Vince "Pigreco-Aron" nell'Asso, tra i Dolphin un quasi "fratelli coltelli" tra Riccardo a Matteo Giovanelli. I giovani dell'Ufetto 22 "Dadeli" vincono nell' Orc Minialtura

Sole, vento, bonaccia, brezze leggere, per il 62° Trofeo dell’Odio

27/10/2014 in Vela
Parole chiave:
Di Redazione

Sole e ven­to nel­la pri­ma parte del­la rega­ta del Tro­feo dell’Odio, 62° edi­zione del­la clas­si­ca di chiusura del e del lago di Gar­da (pri­ma dei Cam­pi­onati Inver­nali in pro­gram­ma un po’ su tut­to il lago di Gar­da). In recu­pero sul pas­sag­gio sul­la boa di metà gara a Cam­pi­one vince in asso­lu­to e nel­la sua classe “Pigre­co-Aron” l’Asso 99 arma­to dal­lo stes­so che, in ques­ta sta­gione ha con­quis­ta­to il doppio tito­lo Europeo e Nazionale. Alla bar­ra c’era Fabi­ano Capuc­ci­ni, alla tat­ti­ca Ele­na Rebol­di, vice pres­i­dente del CV Gargnano. “Asster­si­co” arri­va sec­on­do ed è il piaz­za­men­to mer­i­ta­to in tut­ta la sta­gione per la bar­ca arma­ta da Pier Gior­gio Zam­boni. Terza si piaz­za “Scon­quAs­so”, lo scafo veronese del­la scuo­la

Go Sail con­dot­ta da Andrea Fari­na, i vinci­tori del­la Bart Bash Regat­ta del  set­tem­bre scor­so sem­pre a Gargnano. Seguono poi altri nomi impor­tan­ti per l’Asso 99 come “Gradas­so-Pata” dei Bovola­to (a bor­do l’olimpi­co Cic­cio Gazzei) e “Ide­fix” dei Cav­alli­ni.

La classe Dol­phin pre­sen­ta­va la ver­sione Mr. A vin­cere un match-race tut­to in “famiglia” è sta­to Ric­car­do Gio­vanel­li che ha bat­tuto il fratel­lo Mat­teo. Ter­zo è il milanese Simone Tode­s­chi­ni ani­ma­tore del­la scuo­la vel­i­ca Water Tribe con quar­ti gli allievi del CV Gargnano con il coach Ful­vio Angeli­ni.

Nel­la classe “Mista” in tem­po reale si impone di Pro­teus “Graf­fio-Vita­sol” dell’armatore Bruno Manen­ti del Vela Club di Desen­zano che pre­cede il Pro­tag­o­nist 7.50 “Cit­tà dei Mille” del­lo Yacht Club Berg­amo con Enzo Lei­di e Fab­rizio Euse­bio. Ter­zo è l’Ufo 22 “Dadeli” che Emanuele Car­bonel­li ha affida­to al gio­vanis­si­mo toscolanese Mat­tia Zinet­ti, vice cam­pi­one d’Italia Under 16 con il doppio Rs Feva. Zinet­ti ha vin­to la sfi­da diret­ta con Gia­co­mo Giambar­da (il Cam­pi­one Ital­iano Gio­vanile dei Feva 2014), che era alla bar­ra del “Free­dom” di Cristi­na Dovara, fini­ti in 7° posizione.

In tem­po com­pen­sato (Asso­lu­to e Minial­tura) Mat­tia Zinet­ti (CvToscolano) e il suo arma­tore Car­bonel­li si sono poi pre­si la sod­dis­fazione di bat­tere  il Pro­tag­o­nist “Cit­tà dei Mille” (Yc Berg­amo) e “Stela”, la Star con­dot­ta dal­la famiglia gargnanese dei Bertel­li del­la Fraglia Vela D’An­nun­zio di Gar­done Riv­iera. Nei com­pen­sati Orc “Rega­ta” affer­mazione per il Farr 333 “Ari­an­na” di Borchia-Fer­rari del­la Can­ot­tieri Gar­da Salò che pre­cede “Sep­tem­bre”, lo stori­co Fal­cone vinci­tore asso­lu­to del­la Cen­tomiglia 1976, dis­eg­na­to negli anni ’70 da Daniele Buiz­za, con­dot­to da Mario Domini­ci con ter­zo “Graf­fio-Vita­sol”, un Pro­teus fir­ma­to da Umber­to Fel­ci. Ora il Cir­co­lo Vela Gargnano si avvia a lavo­rare sui prog­et­to 2015 com­pre­si i Sail­ing Games di Expo.

Parole chiave: