È un pullman il grande sogno dei tifosi che applaudono il Chievo

Sostenitori di Sirmione e Pozzolengo fondano il primo club bresciano

08/12/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
m.t

Ora il Chie­vo ha il suo pri­mo club in ter­ra bres­ciana. L’hanno fonda­to un grup­pet­to di ami­ci di Sirmione e Poz­zolen­go qua­si per scommes­sa. «Lo scor­so anno», dice Daniele Berti, veronese di orig­ine e tito­lare di un bar «abbi­amo pre­so un impeg­no: se il Chie­vo fos­se sal­i­to in serie A avrem­mo cos­ti­tu­ito un club: l’abbiamo fat­to». E mart­edì scor­so, Lui­gi Del Neri, il diret­tore sporti­vo Gio­van­ni Sar­tori (di casa da queste par­ti per­ché ha sposato una sirmionese e abi­ta nel­la cit­tad­i­na garde­sana) e due gio­ca­tori, Cris­t­ian Man­fre­di­ni e Pao­lo Foglio, sono sta­ti invi­tati a fes­teggia­re i pri­mi cen­to iscrit­ti al neona­to club bres­ciano. Una fes­ta in grande, con tan­to di striscioni, scia­rpe, gad­get cura­ta nei min­i­mi par­ti­co­lari, quel­la offer­ta dal sodal­izio di Poz­zolen­go. Alle par­tite casal­inghe, ricor­da­va anco­ra Berti, van­no in quindi­ci, ven­ti. Ma non è improb­a­bile che, se il numero dei soci dovesse anco­ra salire, ci andran­no in…pullman. Del Neri, in una pausa del­la ser­a­ta ha espres­so «la sua piena sod­dis­fazione per questi club, che fan­no sen­tire affet­to alla soci­età ed alla squadra. Il numero dei tifosi sta aumen­tan­do e non è più come un anno fa «quan­do i tifosi si conosce­vano qua­si per nome». Insom­ma, la famiglia del Chie­vo e dei suoi sosten­i­tori si allarga. Alla ser­a­ta, svoltasi alla «Muraglia», ha parte­ci­pa­to anche Ange­lo Gas­pari­ni, ex indi­men­ti­ca­to gio­ca­tore di Verona, Bres­cia ed Inter negli anni Set­tan­ta ed Ottan­ta. Il pres­i­dente del club di Poz­zolen­go e Sirmione ha volu­to, infine, ringraziare Del Neri, Sar­tori e i due gio­ca­tori «per l’ottima immag­ine che la soci­età e la squadra stan­no cre­an­do sia in Italia che all’estero».