Sottoscritto a Peschiera del Garda il “Contratto di Lago”

Iscriviti al nostro canale
Di Luigi Del Pozzo

Prati­ca­mente tut­ti pre­sen­ti i sin­daci del­l’area garde­sana, e non solo, alla sot­to­scrizione del “Con­trat­to di Lago — per il futuro del baci­no bena­cense”, avvenu­ta oggi pres­so il Sot­totet­to del­la caser­ma Artiglieria di Por­ta Verona a Peschiera del Gar­da. Ma non solo sin­daci, anche pres­i­den­ti del­la Comu­nità del Gar­da Maria Stel­la Gelmi­ni, di Gar­da Uno Mario Boc­chio, di Azien­da Garde­sana Servizi Ange­lo Cresco e di ATS Gar­da Ambi­ente Gio­van­ni Peretti oltre all’asses­sore regionale ai lavori pub­bli­ci e infra­strut­ture del­la Regione Vene­to Elisa De Berti.

Ampie e inter­es­san­ti sia le relazione che gli inter­ven­ti che si sono suc­ce­du­ti e che si potran­no ascoltare nel file video pub­bli­ca­to sul­la nos­tra pag­i­na Face­book e real­iz­za­to dal­la nos­tra redazione.

Gli obbi­et­tivi del Con­trat­to di Lago volu­to, sostenu­to e por­ta­to avan­ti dal­l’asses­sore del Comune di Peschiera del Gar­da Fil­ip­po Gavaz­zoni con del­e­ga, fra le altre alla Tutela del lago di Gar­da e Politiche del Tur­is­mo, si pos­sono così rias­sumere: Col­let­ta­men­to reflui del Gar­da; Mon­i­tor­ag­gio ed indi­vid­u­azione degli agen­ti inquinan­ti nelle acque del Gar­da; Inser­i­men­to nel­la com­mis­sione pre­vista nel pro­to­col­lo del 2013 d 3 rap­p­re­sen­tati garde­sani (uno per regione);

inser­i­men­to nel­la “cab­i­na di regia” di un rap­p­re­sen­tante dei comu­ni garde­sani; anal­isi e mon­i­tor­ag­gio flo­ra e fau­na lacus­tre autoc­tona e non; san­i­fi­cazione dei motoscafi/natanti tur­is­ti­ci, carene e motori;

osser­va­to­rio per­ma­nente del pae­sag­gio; consumo/occupazione del ter­ri­to­rio insis­tente sul litorale garde­sano, con­ces­sioni a lago, nuove linee guide.

Ovvi­a­mente questo è il pri­mo, impor­tante pas­so ver­so al tutela e sal­va­guardia del ter­ri­to­rio, forse, ques­ta, potrebbe vera­mente essere la vol­ta buona di una unità per quel­la che potrebbe essere la “Regione del Gar­da”.

 

Commenti

commenti