Alla firma erano presenti Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale, Mauro Parolini, Assessore Regione Lombardia e Giovanni Valotti presidente A2A

Sottoscritto l’accordo fra Il Vittoriale degli Italiani, Regione Lombardia e A2A per l’illuminazione esterna del complesso monumentale

25/07/2016 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo

Con questo inter­ven­to accres­ci­amo il fas­ci­no e l’at­trat­tivi­ta’ del Vit­to­ri­ale esaltan­done la ric­chez­za architet­ton­i­ca e regaliamo a vis­i­ta­tori e tur­isti una nuo­va espe­rien­za di visi­ta anco­ra piu’ sug­ges­ti­va ed entu­si­as­mante. Ho subito cre­du­to in questo prog­et­to, perche’ puo’ rap­p­re­sentare un vero e pro­prio salto di quali­ta’ per il Vit­to­ri­ale in ter­mi­ni di auto­pro­mozione, vis­i­bili­ta’ ed aumen­to degli accessi.

Da un’idea con­di­visa solo pochi mesi fa con il pres­i­dente alla sua attuazione il pas­so e’ sta­to breve e con­cre­to”. Lo ha det­to l’asses­sore allo Svilup­po eco­nom­i­co di inter­ve­nen­do alla fir­ma del­l’Ac­cor­do di col­lab­o­razione tra Regione Lom­bar­dia, Fon­dazione Il e A2A per la real­iz­zazione del­l’il­lu­mi­nazione ester­na del com­p­lesso mon­u­men­tale di Gabriele D’Annunzio.

PARTERNARIATO - “Questo accor­do  — ha aggiun­to Paroli­ni — portera’ alla real­iz­zazione di un inter­ven­to atten­to ed armon­i­co che, gra­zie all’im­peg­no di Regione Lom­bar­dia del­la Fon­dazione il Vit­to­ri­ale degli Ital­iani e al sup­por­to prezioso e qual­i­fi­ca­to di A2A, miglio­ra e com­ple­ta in modo defin­i­ti­vo la fruizione dei vis­i­ta­tori e raf­forza il legame tra cul­tura, arte e tur­is­mo in una delle aree tur­is­tiche piu’ impor­tan­ti in Europa”.

FIRMA ACCORDO - “La fir­ma di oggi  — ha con­tin­u­a­to l’asses­sore — e’ un esem­pio impor­tante che doc­u­men­ta quan­to le sin­ergie che si svilup­pano attra­ver­so parte­nar­iati pub­bli­co-pri­va­to come questo pro­d­u­cano effet­ti pos­i­tivi e rap­p­re­senti­no una modali­ta’ di svilup­po essen­ziale che sti­amo por­tan­do avan­ti con­tro la fram­men­tazione che tal­vol­ta con­trad­dis­tingue l’ ambito turistico.

CULTURA, ARTE E TURISMO  - “Arte e cul­tura — ha con­clu­so l’asses­sore  Paroli­ni — sono ele­men­ti che con­cor­rono a deter­minare lo svilup­po tur­is­ti­co del­la nos­tra regione e su cui sti­amo investen­do anche per favorirne l’in­te­grazione con la ric­chez­za del­l’enogas­trono­mia, la tradizione del­l’ar­ti­giana­to e del­la com­mer­cio e la fruizione del­la natu­ra, in modo da accrescere la com­pet­i­tiv­ità del­la Lom­bar­dia e di ques­ta area tur­is­ti­ca sul mer­ca­to inter­nazionale e per offrire ai tur­isti un espe­rien­za di viag­gio anco­ra più aut­en­ti­ca ed appagante”.