A Desenzano una panoramica dei sette lidi comunali. Balneabilità al 100 per cento, ma con qualche problema dovuto al clima piovoso di questi mesi.
L’acqua alta ha fatto quasi sparire l’arenile alla Zattera, alla Madonnina e al Sesto Senso. Gli altri li

Spiagge, scatta la «prova costume»

03/06/2008 in Balneabilità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Daniele Bonetti

PIÙ DIFFICILE il com­pi­to per i gestori del­la spi­agget­ta accan­to, più pic­co­la, al pon­tile Fel­trinel­li: il lago «alto» ha ridot­to la dimen­sione dell’arenile. I ped­alò, sola­mente undi­ci, sono comunque in bel­la mostra pro­prio davan­ti al lun­go­la­go; a risoll­e­vare l’«agibilità» del­la spi­ag­gia è però pro­prio il liv­el­lo delle acque che, decisa­mente cresciute, resti­tu­is­cono al pon­tile Fel­trinel­li il ruo­lo di tram­poli­no prefer­i­to dai ragazzi per i tuffi (tuffi che l’anno scor­so, al con­trario, furono proibiti per l’acqua bassa).Spostandosi ver­so est, las­cian­do quin­di il cen­tro stori­co di Desen­zano, è inevitabile sof­fer­mar­si sul­la spi­agget­ta dietro al : l’acqua alta se l’è prati­ca­mente man­gia­ta. Fre­quen­ta­ta per lo più dai desen­zane­si, si pre­sen­ta comunque in dis­crete con­dizioni gra­zie all’area verde, anche se il Comune dovrà provvedere al taglio dell’erba (alta anche quel­la) e alla sis­temazione dei servizi igien­i­ci. Il tavoli­no e le panche da pic nic restano l’unico seg­nale da parte del Comune per val­oriz­zare la sola spi­ag­gia sen­za infrastrutture.Si pre­sen­ta bene invece la Spi­ag­gia d’oro: puli­ta, con sdraio, ombrel­loni e ped­alò, sab­bia per i giochi dei bam­bi­ni e beach vol­ley, è prob­a­bil­mente quel­la meglio attrezzata.A poche centi­na­ia di metri il por­to di Riv­oltel­la può vivere di ren­di­ta sug­li ulti­mi lavori: dal gaze­bo al cam­po da boc­ce fino al cam­po da beach vol­ley, tut­to è pron­to per l’estate.LA NOTA DOLENTE arri­va invece nelle ultime spi­agge del comune di Desen­zano, prob­a­bil­mente quelle dimen­ti­cate: quel­la del­la Madon­na del­la Vil­la, sporca e ridot­ta dall’acqua alta a pochi metri qua­drati, e quel­la del­la ex Zat­tera, nei giorni scor­si ricp­per­ta di detri­ti e pesci mor­ti. Dif­fi­cil­mente basterà l’attività del nuo­vo chiosco aper­to dopo una lun­ga trafi­la buro­crat­i­ca. Ma è il seg­nale di una pos­si­bile rinascita.Desenzano è pronta per la sta­gione esti­va: dopo l’assaggio di domeni­ca scor­sa, con le spi­agge prese d’assalto e gli ombrel­loni aper­ti in fret­ta e furia per far fronte all’ondata di tur­isti che han­no aper­to il mese di giug­no, in riva al Gar­da le spi­agge si sono rifat­te il look in atte­sa di una sta­gione a cui per ora man­ca soltan­to il sole.In prim­is, la pulizia. Al «Desen­zani­no», la spi­ag­gia più grande di Desen­zano, i gestori han­no pre­dis­pos­to 109 ombrel­loni e ulti­ma­to i lavori di sis­temazione dei servizi. Stori­ca­mente pre­sa d’assalto dai gio­vanis­si­mi, la zona si pre­sen­ta decisa­mente puli­ta.

Parole chiave: