Uno spettacolo che si è protratto fino a notte fonda ma che ha visto migliaia di persone entusiaste applaudire senza sosta protagonisti e conduttori

«Stasera mi butto» è gigante con la Rai

24/07/2007 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

Una mara­tona travol­gente, un tor­rente di irre­sistibile spettacolo.Villa Car­rara Bot­tag­i­sio, saba­to e domeni­ca, si è trasfor­ma­ta in un pal­cosceni­co per la rete ammi­raglia del­la Rai, che ha così con­clu­so il tour del vari­età «Stasera mi but­to», che va in onda al mart­edì, in pri­ma ser­a­ta, fino al 14 agosto.Dopo Peschiera, Salò, Riva e Arco è toc­ca­to adesso a Bar­dolino ospitare la man­i­fes­tazione itin­er­ante cre­a­ta da Bibi Bal­lan­di, il numero uno dei pro­dut­tori tele­vi­sivi ital­iani autore dei più segui­ti show del pic­co­lo scher­mo (da Fiorel­lo a Celen­tano, a Bal­lan­do con le stelle). Imman­ca­bile dunque il con­nu­bio con la Rai, arriva­ta con tut­to il suo spie­ga­men­to di mezzi sul Gar­da per plas­mare e creare uno spet­ta­co­lo pre­mi­a­to dai tele­spet­ta­tori con lo share più alto dei pro­gram­mi in onda in pri­ma ser­a­ta al martedì.E a tes­ti­mo­ni­are l’im­por­tan­za dei numeri domeni­ca, in pri­ma fila a fian­co di Bal­lan­di e del sin-daco di Bar­dolino Pietro Meschi, è rimas­to fino alle due di notte, a seguire la reg­is­trazione del­la finalis­si­ma con­dot­ta da Cate­ri­na Bali­vo e Bia­gio Izzo, anche il diret­tore di Rai Uno Fab­rizio del Noce. Poco dis­tante l’onorevole Aldo Branch­er che ha mes­so in sin­er­gia la Regione Vene­to, la Provin­cia Autono­ma di Tren­to, le province di Bres­cia e Verona. «È sta­to impor­tante cogliere ques­ta oppor­tu­nità di pro­mozione del ter­ri­to­rio con­vin­cen­do la Rai a scegliere il lago di Gar­da anziché altri lidi del­l’I­talia», ha chiosato il dep­u­ta­to res­i­dente a Bardolino.Chi si è diver­ti­to sin dal­l’inizio del tour è sta­to senz’altro l’at­tore napo­le­tano Bia­gio Izzo. «Il mio tuffo nel lago? L’ab­bi­amo reg­is­tra­to a Peschiera e non c’è sta­to bisog­no di ripeter­lo per­ché sono un vero pro­fes­sion­ista”, scherza il con­dut­tore pri­ma di entrare in sce­na: ad atten­der­lo la giuria com­pos­ta dall’avvenente Mar­ti­na Colom­bari, l’esplosiva Bar­bara Mat­era e la con­tur­bante Jen­nifer Rodriguez. Assieme al pres­i­dente di giuria («E’ da quat­tro anni che lavoro solo in Spagna spero di tornare presto su-gli scher­mi Rai»), il miti­co diri­gente Rai Mario Maf­fuc­ci, ora con­sulente per la Regione Vene­to, e la note vo-ce radio­fon­i­ca Joe Violan­ti. A loro, assieme ad una giuria popo­lare, è toc­ca­to il com­pi­to di eleg­gere il nuo­vo Fiorel­lo del­la comicità.Il vinci­tore? Un duo davvero esi­la­rante: Max e Ange­lo. E tra uno sketch e l’altro via all’a­mar­cord musi­cale con Alan Sor­ren­ti (L’unica don­na per me), il francese David (Words) e le imi­tazioni di Manuela Aure­li che dietro le quinte, in-cro­cian­do le dita, riv­ela la sua pre­sen­za in autun­no nel cast di «Domeni­ca In». Sul pal­co trasci­nati dai co-mici di turno anche volti del paese come il cen­trali­ni-sta del comune Luciano Verone­si alle prese con la mossa del serpente.Uno spet­ta­co­lo pro­trat­tosi fino a notte fon­da con il pub­bli­co coin­volto dal­l’am­a­bil­ità dei con­dut­tori ma soprat­tut­to dal capo-clacque Pedro, il quale si è dimostra­to un vero artista: è rius­ci­to a incitare sen­za sos­ta oltre mille per­sone ad applau-dire, sbrac­cia­r­si e urlare per creare una vera e pro­pria atmos­fera da sta­dio a sosteg­no dei comi­ci, ma non solo, in gara. Una vera pro­va di forza: che ha con­fer­ma­to tut­ta la forza che la Rai è in gra­do di met­tere in cam­po quan­do vuole fare diver­tire sul serio tut­ti i suoi abbon­ati Rai. Un salu­to ai due con­dut­tori, allo staff e poi, rimes­sasi la giac­ca, si acco­mo­da in platea. «No, a‑desso nes­suna inter­vista. Ci vedi­amo a fine spet­ta­co­lo», fa annun­cia­re dal sol­erte uffi­cio stam­pa. Nes­suna dero­ga. Fab­rizio Del Noce è con­cen­tra­to sul­lo spet­ta­co­lo. Segue le varie fasi, beve una coca-cola in una delle bre­vi pause e poi ritor­na, come uno sco­laret­to, a seder­si in pri­ma fila.Più indi­etro man mano che le ore pas­sano il pub­bli­co si defi­la ma i vuoti ven­gono facil­mente rimpiaz­za­ti. Alle due di notte Del Noce, al pari di Bal­lan­di, fugge in alber­go stremato.Il giorno dopo appe­na sce­so dall’aereo che l’ha ripor­ta­to a Rona Del Noce dal cel­lu­lare fa sen­tire la sua voce: cortese e cia­r­liera. «E’ sta­ta una gran ser­a­ta. Sono sod­dis­fat­to del­lo spet­ta­co­lo e degli ascolti che sta reg­is­tran­do. I con­dut­tori sono davvero bravi: Izzo ha saputo tenere i tem­pi e la Bali­vo ha dimostra­to di avere stof­fa da vendere. Non per dire ma l’ho lan­ci­a­ta io». Un vari­età da ripetere? «I pre­sup­posti ci sono tut­ti ma è pre­maturo, soprat­tut­to in Rai, par­larne ora. Vedremo se sarò anco­ra su ques­ta poltrona. La loca­tion? Il Gar­da è otti­mo. Vis­to che in inver­no trasmet­ti­amo da Rim­i­ni non sa-rebbe male ritornare l’es­tate prossi­ma sul Gar­da». S.J.

Parole chiave: -