Servirà circa mezzo miliardo. Assicurata anche la manutenzione

Strade di montagna rimesse a nuovo

20/04/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
cad.

Ci sono cir­ca trenta chilometri di strade che col­legano la piana arcense alle varie local­ità mon­tane sovras­tan­ti: Troiana, Braile, Carob­bi, S.Giovanni al monte e Gorghi, e qualche altro si sno­da in quo­ta nel­la zona di monte Velo. L’im­pre­sa Pedrot­ti li sis­te­merà tut­ti e trenta e rot­ti, come ha dis­pos­to il vicesin­da­co Ser­gio Pran­di, che ha pre­so a cuore una situ­azione che ver­sa­va in sta­to di pre­ca­ri­età ormai da vari decen­ni. L’in­ter­ven­to sarà quin­di impor­tante, come dimostra il mez­zo mil­iar­do (80% a cari­co del­la Provin­cia) mes­so a dis­po­sizione per l’ese­cuzione delle opere, ma anche rispet­toso del­l’am­bi­ente mon­tano. Infat­ti ver­ran­no rias­fal­tati soltan­to i trat­ti di stra­da che già lo sono, men­tre gli altri rimar­ran­no di ter­ra bat­tuta o di acciot­to­la­to, tali e quali sono da moltissi­mi anni. Per evitare che le strade torni­no presto in brutte con­dizioni, Ser­gio Pran­di ha anche provve­du­to ad incar­i­care un’im­pre­sa del­la manun­ten­zione ordi­nar­ia. Con una ses­san­ti­na di mil­ioni all’an­no saran­no assi­cu­rate la puli­tu­ra peri­od­i­ca delle canalette di leg­no, e la dece­spugli­azione dei bor­di stradali. Dal prossi­mo anno l’am­min­is­trazione comu­nale dovrà sob­bar­car­si anche l’onere rel­a­ti­vo alla manuten­zione delle numerose strade fore­stali, fino­ra a cari­co del­la Provin­cia. Non sono strade di comune pas­sag­gio, per­ché si trat­ta di per­cor­si di servizio, che ser­vono per i peri­od­i­ci lavori nei boschi o nelle zone mon­tane (l’ac­ces­so è sbar­ra­to dalle stanghe), ma costano impeg­no e denaro anch’esse.