L’Ente nazionale protezione animali ha inviato una lettera al sindaco. Giancarlo Allegri conferma l’intenzione dell’Amministrazione di intervenire con misure adatte a proteggere le colonie presenti in zona. Saranno posizionati cartelli e passerelle per sa

StrisceStrisce pedonali per scoiattoli

Di Luca Delpozzo
Gaia Mombelli

Padenghe può annover­are tra le sue mer­av­iglie anche la pre­sen­za di diverse colonie di scoiat­toli. La notizia non è una novità, ma ora l’En­pa (l’Ente nazionale pro­tezione ani­mali) ha manda­to una let­tera al sin­da­co, all’asses­sore all’ur­ban­is­ti­ca e alla polizia Munic­i­pale affinché tutelino questi ani­mali, che spes­so ven­gono uccisi dalle auto in cor­sa. In par­ti­co­lare la let­tera dell’Ente pro­tezione ani­mali invi­a­ta al Comune si riferisce a quelle colonie di scoiat­toli che vivono nel bosco bas­so attorno al Castel­lo di Padenghe e che spes­so attra­ver­sano la stra­da per rag­giun­gere gli alberi più bassi ma ven­gono tra­volti dalle auto in cor­sa che pro­prio in quel pun­to, a causa del­la disce­sa, non ral­len­tano cer­to la cor­sa se vedono i pic­coli rodi­tori davan­ti alle ruote. «Pro­prio nel bosco sot­to il Castel­lo — con­fer­ma Sara Pepi pres­i­dente del­l’En­pa di Bres­cia — ci risul­ta che vivano alcune famiglie di scoiat­toli. Alcu­ni nos­tri volon­tari infat­ti han­no vis­to anche i pic­coli». I volon­tari del­l’En­pa chiedono quin­di che il Comune posizioni l’ap­posi­ta seg­nalet­i­ca di avver­ti­men­to, o anche strisce pedonali, in quan­to pro­prio quel­la stra­da è attra­ver­sa­ta da un sen­tiero pedonale che rap­p­re­sen­ta anche un sug­ges­ti­vo itin­er­ario tur­is­ti­co: l’at­tra­ver­sa­men­to pedonale pro­tet­to sarebbe un van­tag­gio anche per i pedoni. Il tut­to nat­u­ral­mente nel­la sper­an­za di ral­lentare il traf­fi­co veico­lare. «Fare­mo il pos­si­bile — promette il sin­da­co Gian­car­lo Alle­gri — ma molto dipen­derà dal­la volon­tà e dal­la sen­si­bil­ità degli auto­mo­bilisti, che per pri­mi devono avere rispet­to degli ani­mali». Sen­si­bile dunque alla ques­tione, il sin­da­co di Padenghe Gian­car­lo Alle­gri ha rib­a­di­to di essere a conoscen­za del­l’e­sisten­za dei pic­coli ani­mali sul suo ter­ri­to­rio. «Già da tem­po a Padenghe esistono parec­chie colonie di scoiat­toli — con­fer­ma Alle­gri -. In par­ti­co­lare mi risul­tano essere pre­sen­ti colonie nel­la zona alta del bosco attorno al Castel­lo e nel bosco bas­so, in zona Rovadel­la, nei pres­si del­la Pieve di San­t’E­mil­iano e nel­la zona del bas­so lago dove ci sono molte ville con alberi sec­o­lari che sono abi­tate solo pochi mesi l’an­no e quin­di gli scoiat­toli trovano un habi­tat ide­ale». Il Comune non si tira indi­etro cir­ca la richi­es­ta del­l’En­pa: «Ho saputo del­la let­tera, anche se non l’ho anco­ra let­ta. Con­fer­mo l’in­ten­zione del­l’am­min­is­trazione di apporre i cartel­li speci­fi­ci già al rien­tro dalle vacanze. Inoltre studier­e­mo con i tec­ni­ci la pos­si­bil­ità di creare dei pas­sag­gi aerei in quei pun­ti ove la stra­da lo rende pos­si­bile. Questo per­me­t­terebbe agli scoia­toli di seguire una via in per­fet­ta autono­mia e sicurez­za». L’am­min­is­trazione dunque provved­erà alla piantu­mazione di alcu­ni alberi ove il trac­cia­to stradale lo ren­derà pos­si­bile in modo da creare una «cor­sia priv­i­le­gia­ta» ai pic­coli ani­mali. Ma il comune di Padenghe intende fare di più: «Come abbi­amo promes­so in cam­pagna elet­torale — spie­ga Alle­gri — abbi­amo inten­zione di isti­tuire uno sportel­lo ded­i­ca­to alla tutela degli ani­mali. I cit­ta­di­ni potran­no seg­nalare ani­mali in dif­fi­coltà, oppure situ­azioni come ques­ta, in cui questi pic­coli ami­ci han­no bisog­no d’aiu­to». Lo sportel­lo sarà atti­vo a par­tire dal prossi­mo autun­no, anche se già adesso questo ruo­lo è svolto dal coman­dante del­la Polizia Munic­i­pale, che rac­coglie le richi­este d’aiu­to e di salvaguardia.