Il lungo ponte. Affluenza di turisti al rallentatore negli alberghi, ma andrà meglio per il 1° Maggio. Sirmione l’eccezione: «Tutto esaurito se il tempo ci aiuterà»

Sul Garda il pienone è rinviato

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

Il lun­go ponte del 25 aprile non regalerà il pienone negli alberghi del lago di Gar­da. Sem­mai, se ne par­lerà la prossi­ma set­ti­mana, in occa­sione del 1 Mag­gio. Preved­i­bile invece un con­sis­tente afflus­so lega­to ai cosid­det­ti tur­isti «mor­di e fug­gi», che oggi intaser­an­no le strade del lago, diret­ti nelle cit­ta­dine riv­ierasche e nei parchi diver­ti­men­ti del bas­so Gar­da. Queste le pre­vi­sioni degli oper­a­tori tur­is­ti­ci del­la prin­ci­pali local­ità di vil­leg­giatu­ra del­la riv­iera garde­sana, inter­pel­lati ieri, alla vig­ilia del sec­on­do fine set­ti­mana vacanziero dopo quel­lo pasquale, che fa da aprip­ista alla sta­gione tur­is­ti­ca ital­iana. Una pre­vi­sione in stri­dente con­trasto con le affer­mazioni — indub­bi­a­mente più ottimistiche, se non addirit­tura entu­si­as­tiche — annun­ci­ate ieri dal­lo stes­so pres­i­dente di Fed­er­al­berghi, Bern­abò Boc­ca, che par­lano invece di «un lun­go ponte con oltre 10 mil­ioni di per­sone in vacan­za tra il 25 aprile e il 1 Mag­gio, con un più 30 per cen­to rispet­to al 2001» e con il ponte del 25 aprile che «bat­terà quel­lo suc­ces­si­vo del­la fes­ta del lavoro». Gli oper­a­tori del Gar­da bres­ciano sono invece d’ac­cor­do nell’affermare che «il numero mag­giore di preno­tazioni riguar­da il ponte del 1 mag­gio», men­tre «quel­lo di oggi non sta reg­is­tran­do sig­ni­fica­tivi seg­nali». I motivi sono sem­pli­ci. Intan­to il tem­po incer­to: nuv­ole e ven­to sono des­ti­nati a ten­er lon­tani i tur­isti. Inoltre domani è comunque una gior­na­ta lavo­ra­ti­va e solo una pic­co­la parte è rius­ci­ta a strap­pare l’agignato ponte. «Tutte queste cose ci fan­no ritenere che il 25 aprile non riem­pirà i nos­tri alberghi, e la con­fer­ma giunge dagli asso­ciati — spie­ga il pres­i­dente degli alber­ga­tori bres­ciani, Pao­lo Rossi — che vedono più rosea la pre­vi­sione per il ponte del 1 Mag­gio. E’ quel­lo, infat­ti, il pri­mo ponte che inau­gu­ra la sta­gione sul lago di Gar­da, anche per­chè coin­cide con la stor­i­ca e le fes­tiv­ità tedesche: allo­ra avre­mo, oltre agli ital­iani, anche i pri­mi grup­pi aus­triaci e tedeschi». Fes­ta rin­vi­a­ta, insom­ma. A Limone, ad esem­pio, gli alberghi sono semi­vuoti. Pochi gli ital­iani, ancor meno gli stranieri, soprat­tut­to i tedeschi che rap­p­re­sen­tano da decen­ni la fet­ta più con­sis­tente del tur­is­mo d’oltralpe nel­la cit­tad­i­na del­l’al­to Gar­da. Lo sostiene il pres­i­dente degli alber­ga­tori, Gian­fran­co Mon­tag­no­li, il quale si augu­ra che la prossi­ma set­ti­mana com­in­ci­no ad arrivate le prime avan­guardie dei tedeschi e degli aus­triaci, gra­zie alla con­comi­tan­za delle loro tradizion­ali fes­tiv­ità. «Per ora — con­tin­ua Mon­tag­no­li — ci sti­amo lec­ca­n­do anco­ra le ferite dei pri­mi quat­tro mesi che sono sta­ti un mez­zo dis­as­tro, com­plice la chiusura pro­trat­ta del­la statale». Anche a Salò gli alber­ga­tori si aspet­tano i pri­mi apprez­z­abili risul­tati «solo dopo il 1 Mag­gio, per il momen­to si stan­no riceven­do preno­tazioni per un paio di giorni soltan­to». Le richi­este di preno­tazioni, sul­l’in­tera riv­iera, par­lano di due-tre giorni di sog­giorno. A mag­gio i tem­pi di per­ma­nen­za sono des­ti­nati ad aumentare, anche fino ad una set­ti­mana. «Ad imprimere un’ac­cel­er­azione degli arrivi nelle prossime 24 ore potrebbe essere soltan­to un aumen­to del­la tem­per­atu­ra e l’ar­ri­vo del sole», si augu­ra Save­rio Zil­iani, numero uno degli alber­ga­tori di Desen­zano, che sot­to­lin­ea come «gli alberghi desen­zane­si sono occu­pati solo fino al 28 aprile, poi tut­to è incer­to…». Insom­ma, il ponte del­la Lib­er­azione non sarà di quel­li da ricor­dare. L’unica nota con­for­t­ante arri­va da Sirmione, cap­i­tale tur­is­ti­ca del Gar­da bres­ciano, dove il pres­i­dente degli alber­ga­tori Dino Barel­li ril­e­va che «le preno­tazioni in queste ultime ore sono davvero buone e preve­di­amo quin­di un ponte lun­go. Se il tem­po dovesse reg­gere, potrem­mo reg­is­trare il tut­to esauri­to, come a Pasqua». Sono pochi, però, quel­li che sog­giorner­an­no anche dopo il 1 Mag­gio. Dunque, sono pre­visti due eso­di con gli ital­iani in tes­ta. Inutile dire che l’assalto non mancherà. Oggi si prevede traf­fi­co inten­so sia sul­la 45 bis che nell’area fra Desen­zano e Peschiera, sul­la statale 11, soprat­tut­to se il tem­po non farà brut­ti scherzi. Traf­fi­co notev­ole è pre­vis­to anche nel fine set­ti­mana — saba­to e domeni­ca -, com­pli­ci le numerose man­i­fes­tazioni di un cer­to inter­esse pro­gram­mate sul lago (dal «Gia­rdi­no di Delizia a Bogli­a­co alla Fes­ta dei fiori a Castel­laro; ne rife­ri­amo in bas­so). Il 1 Mag­gio e la grande ker­messe del­la Mille miglia stor­i­ca dovrebbe fare il resto.

Parole chiave: