Nel 45° anniversario dalla nascita della Polstrada, il bilancio del sostituto commissario Sbabo. «Per pattugliarlo facciamo salti mortali soprattutto d’estate»

«Sul lago gli agenti sono pochi»

18/04/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Bardolino

Quar­antac­inque anni di Polizia stradale sul Gar­da. L’anniversario del 16 aprile 1957, è sta­to fes­teggia­to a con il diret­tore del­la Polizia del Vene­to, gen­erale Dario Roton­di, il diret­tore di sezione Vin­cen­zo Diafe­ria, il coman­dante la com­pag­nia di Peschiera Ernesto Petriel­lo, il sin­da­co Arman­do Fer­rari, il mares­cial­lo Ste­fano Cini e il vice Loris Molesi­ni rispet­ti­va­mente coman­dante del­la stazione dell’arma e vice coman­dante del­la briga­ta di Finan­za di Bar­dolino. fare gli onori di casa il sos­ti­tu­to com­mis­sario Fioren­zo Sbabo con l’intero organ­i­co del dis­tac­ca­men­to di Polizia di Bar­dolino e un folto grup­po di col­leghi ed ex col­leghi che si sono alter­nati in servizio sul Gar­da. Dopo la cer­i­mo­nia reli­giosa, svoltasi nel­la par­roc­chiale con mes­sa cel­e­bra­ta da mons. Pier­gior­gio For­men­ti, la ricor­ren­za è pros­e­gui­ta al Parc Hotel Grit­ti con scam­bi di ricor­di, impres­sioni fra quan­ti han­no oper­a­to e vis­su­to, sul lago e nel suo imme­di­a­to entroter­ra, l’evoluzione dei moltepli­ci com­pi­ti affi­dati alla Stradale: dal­la sicurez­za del­la cir­co­lazione alla pre­ven­zione degli inci­den­ti, dal­la flu­id­ità del traf­fi­co ai con­trol­li in attuazione delle leg­gi che regolano la cir­co­lazione stradale. «Situ­azione enorme­mente evo­lu­tasi dal ’57- fa pre­sente il vice com­mis­sario Sbabo- con tut­ta la serie di prob­le­mi di ogni genere derivan­ti dai nove mil­ioni di pre­sen­ze turi stiche e dal­la spina del­la micro/criminalità».

Parole chiave: