Un inverno culturale da Veneziani a Pansa da Maraini a Grasso. E il teatro propone Alessandra Casella

Tante iniziative in cantiere

27/10/2004 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Pietro Gorlani

A Salò non sarà il soli­to inver­no. A «scal­dare» i mesi uggiosi del­la cit­tad­i­na lacus­tre ci penserà «Non­soloEs­tate», pri­ma edi­zione di una eclet­ti­ca man­i­fes­tazione inter­cul­tur­ale con numeri da record: un’ot­tan­ti­na di appun­ta­men­ti cul­tur­ali da novem­bre a mag­gio 2005, spazian­do dal teatro alla musi­ca, dai con­veg­ni stori­ci alla dan­za, sen­za dimen­ti­care la , la pit­tura, lo sport, l’enogas­trono­mia. Centi­na­ia gli artisti e gli intel­let­tuali coin­volti, per un even­to che ha vis­to la col­lab­o­razione di tutte le asso­ci­azioni cul­tur­ali salo­di­ane e degli oper­a­tori del com­mer­cio, ben con­tenti di pot­er riv­i­tal­iz­zare il lun­go­la­go anche in inver­no. «Cre­di­amo davvero che Salò non deb­ba essere soltan­to estate» ha spie­ga­to il sin­da­co Gian­piero Cipani, ieri in Bro­let­to con la sua giun­ta per pre­sentare “Non­soloEs­tate” e il suo cal­en­dario da guin­ness: «il tito­lo del­la man­i­fes­tazione con­tiene le aspet­ta­tive e le aspi­razioni del­la nos­tra cit­tà, che non può e non deve “addor­men­tar­si” in otto­bre per sveg­liar­si sola­mente a Pasqua». «Cinque anni fa Salò si trova­va in una fase di stal­lo — con­tin­ua Cipani -; dopo aver pen­sato agli inter­ven­ti urban­is­ti­ci che han­no dato nuo­vo volto alla cit­tà, era mia inten­zione poten­ziare anche il com­par­to cul­tur­ale». Il rapi­do lavoro orga­niz­za­ti­vo — poco più di due mesi — è sta­to pos­si­bile gra­zie all’im­peg­no dei diver­si asses­so­rati, del­l’uf­fi­cio Cul­tura del Comune, del Cen­tro Stu­di sul­la Rsi ma anche delle tante asso­ci­azioni salo­di­ane. La man­i­fes­tazione è sta­ta patro­ci­na­ta dal­la Provin­cia di Bres­cia e dal­la Comu­nità Mon­tana Alto Gar­da Bres­ciano, ed il pres­i­dente Alber­to Cav­al­li ieri ha espres­so viva sod­dis­fazione per lo spes­sore del­l’even­to cul­tur­ale, che avrà ricadute pos­i­tive, in ter­mi­ni tur­is­ti­ci, su tut­ta la spon­da bres­ciana del Gar­da. Gli appun­ta­men­ti cul­tur­ali, vedran­no la pre­sen­za di ospi­ti di caratu­ra nazionale come Mar­cel­lo Veneziani (il 12 novem­bre pre­sen­terà il suo libro “I Vin­ti”), San­dro Bon­di (il 14 novem­bre per la pre­sen­tazione del suo “Tra Destra e Sin­is­tra”), il filoso­fo Gio­van­ni Reale (29 gen­naio), Gian­pao­lo Pansa (15 feb­braio), Aldo Gras­so (17 feb­braio), Dacia Marai­ni (28 feb­braio) e Maria Latel­la (27 mag­gio). Diver­si anche i con­veg­ni di carat­tere stori­co: il 19 e 20 novem­bre il Cen­tro Stu­di e Doc­u­men­tazione sul Peri­o­do Stori­co del­la Repub­bli­ca Sociale Ital­iana ha orga­niz­za­to un sem­i­nario su «Vita quo­tid­i­ana e agri­coltura nel peri­o­do del­la Rsi», al quale parteciperà anche il min­istro Gio­van­ni Ale­man­no. Mer­coledì 17 novem­bre si par­lerà invece di «Donne e Svilup­po: “l’evoluzione delle pari oppor­tu­nità nel nuo­vo sce­nario socio eco­nom­i­co». Non è da meno Teatro­fo­rum, il cal­en­dario degli spet­ta­coli teatrali, che ver­rà inau­gu­ra­to giovedì 11 novem­bre (ore 21) al cin­e­ma Teatro Cristal dal bra­vo Rober­to Cit­ran, inter­prete del monol­o­go “La memo­ria”, trat­to da “Sen­tieri sot­to la neve” di Mario Rigo­ni Stern. Il 3 dicem­bre sarà la vol­ta del­la com­pag­nia teatrale La Pic­ciona­ia di Car­rara, che porterà in sce­na “Un curioso acci­dente” di Goldoni. E anco­ra: Alessan­dra Casel­la (14 gen­naio), la com­pag­nia Mara Terzi e la sua “Pas­si di dan­za su pel­li­co­la” (21 gen­naio). Dieci gli appun­ta­men­ti de “I pomerig­gi musi­cali” domeni­cali, che inizier­an­no il 14 novem­bre (ore 17) con l’ac­cad­e­mia “Marziali” di Severo, pre­sen­ta­ta da Bruno Cani­no. Gli appun­ta­men­ti si inten­si­ficher­an­no nel peri­o­do natal­izio, per sfo­cia­re nel­la grande fes­ta di fine anno in piaz­za Vittoria.

Parole chiave: