(due passaggi del poema la passiù)

Te ciame

Di Redazione
Tommaso Podavini — To.Po.
Te ciame

Con te luntà
la ca l’è vöda
el lèt zelà,
za i to fiur
j’è qua­si secà.

Sen­ti: te ciame,
ormai non go piö us,
fa prèst, vé zo …
vé zo da Montecrùs!

Scüsa se te voi bé
se vale gna do palanche:
Signùr! Ma te me manche …

Ti chi­amo

Con te lontana
la casa è vuota
e il let­to è gelato,
già i tuoi fiori
si sono qua­si seccati.

Sen­ti: ti chiamo
ormai non ho più voce,
fa presto, vieni giù…
vieni giù da Montecroce!

Scusa se ti voglio bene
se val­go meno di un soldo
Sig­nore! Ma tu mi manchi…

Pri­ma pub­bli­cazione il: 17 Dicem­bre 2020 @ 18:45