Uno stanziamento regionale consente l’avvio dei controlli sul traffico e per la sicurezza dei cittadini

Telelaser anti-velocitàper un «Baldo sicuro»

24/02/2008 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

L’unione fa la forza, anche in polizia e la Comu­nità mon­tana del ha appe­na mes­so a seg­no un buon colpo. Sta per scattare in cinque Comu­ni del Bal­do Gar­da e del­la Val­dadi­ge il «Prog­et­to Bal­do sicuro». Arriver­an­no per l’estate nuove auto, stru­men­ti di con­trol­lo e un uffi­cio cen­tral­iz­za­to. I det­tagli per gli acquisti saran­no mes­si a pun­to domani.Si trat­ta di un piano per la sicurez­za e la legal­ità su cui sono fioc­cati fon­di region­ali per un totale di 104.857, 84 euro. Per­me­t­terà, a con­ti fat­ti, di dare vita a un servizio asso­ci­a­to dan­do man forte alla di quei pae­si il cui per­son­ale, oltre a essere spes­so croni­ca­mente sot­to organ­i­co, non ha mezzi per con­trol­lare il rispet­to del Codice del­la stra­da, viag­gia su veicoli datati ed ha a dis­po­sizione tec­nolo­gie obso­lete. Il prob­le­ma è sen­ti­to, vis­to che i vig­ili, come tutte le forze dell’ordine, sono dep­u­tati a con­trol­lare la via­bil­ità, a vig­i­lare durante le man­i­fes­tazioni pub­bliche e han­no anche com­pi­ti amministrativi.L’operazione si conc­re­ta gra­zie a un con­trib­u­to di 98.686,00 euro arrivati su inter­es­sa­men­to dell’assessore regionale alla sicurez­za Mas­si­mo Gior­get­ti, cui si aggiun­gono altri 6.171,84 euro (sul­la base del­la legge 1057 delib­era di giun­ta del 18 dicem­bre 2007) che per­me­t­ter­an­no alla Comu­nità di aprire pure un uffi­cio di polizia al piano ter­ra del­la bel­la sede di Palaz­zo Malaspina Nich­eso­la al Pla­tano di Capri­no. Il finanzi­a­men­to, pari al 70 per cen­to del­la spe­sa, favorirà i comu­ni che per ora han­no accolto la pro­pos­ta d’associarsi: Brenti­no Bel­luno, Bren­zone, Capri­no, Riv­o­li e San Zeno di Mon­tagna. Questi sol­di sono cir­ca la metà dei con­tribu­ti des­ti­nati da Venezia al Pla­tano, poiché la Comu­nità, nell’ambito dei servizi asso­ciati, si è acca­parra­ta per il 2007–2008 stanzi­a­men­ti per ben 202.756,85 euro.«Il prog­et­to “ sicuro” pun­ta a miglio­rare e a qual­i­fi­care la sicurez­za e la legal­ità su tut­to il ter­ri­to­rio comu­ni­tario, anche nei pic­coli cen­tri e nelle local­ità interne dif­fi­cil­mente rag­giun­gi­bili», spie­ga il pres­i­dente Cipri­ano Castel­lani. «Fer­mo restando le sin­gole munic­i­pal­ità, aprire­mo qui un nuo­vo uffi­cio infor­ma­tiz­za­to e gli agen­ti saran­no mes­si nelle con­dizioni di svol­gere fun­zioni di con­trol­lo gen­erale con dis­pos­i­tivi moderni».Ora non è così. Non solo la Comu­nità è pri­va di auto e non ha stru­men­ti per il servizio di polizia locale del­e­ga­to, ma anche i Comu­ni ader­en­ti sono mes­si male. In cinque dispon­gono di sette automezzi in tut­to, non pien­amente oper­a­tivi. Tra Capri­no, Novez­za e la Val­dadi­ge c’è un solo autovelox e nem­meno un tele­laser per con­trol­lare l’ e con­tenere il fenom­e­no. «Si dove­va inter­venire», nota Castel­lani. «Ed è indica­ti­vo che tra i pae­si che si sono asso­ciati ci siano per esem­pio Capri­no, seg­na­to dal­la Sp 8 del Bal­do, reg­no di cen­tau­ri aman­ti di peri­colo­sis­si­mi tor­nan­ti, e Brenti­no Bel­luno dove sboc­ca la provin­ciale 11 ret­ti­li­neo get­to­na­to da moto­ci­clisti che qui gareg­giano a veloc­ità super. Con la bel­la sta­gione il fenom­e­no si acuisce per cui l’iniziativa comu­ni­taria cade a pen­nel­lo. Arriver­an­no pri­ma dell’estate quat­tro Fiat Sedi­ci 1.9 Mul­ti­jet Dinam­ic, cioè dei fuoristra­da 4X4 con­for­mi alle legge regionale, allesti­ti per essere oper­a­tivi e si acquis­terà un tele­laser. In con­tem­po­ranea la Comu­nità dovrebbe met­tere a dis­po­sizione la postazione di lavoro per la ges­tione cen­tral­iz­za­ta delle varie fun­zioni del­e­gate di polizia locale. I veicoli coster­an­no 16.700,00 euro l’allestimento 7.100,00. Il tele­laser, al net­to di Iva, viene ben 36.780,00 euro».«Con i nuovi mezzi la polizia locale potrà rag­giun­gere più agevol­mente anche le zone più lon­tane», dice Castel­lani. «La nuo­va stru­men­tazione con­tribuirà ad aiu­tar­li a con­trastare il fenom­e­no dell’alta veloc­ità, a ver­i­fi­care il man­ca­to rispet­to di tutte le norme che dis­ci­plinano la cir­co­lazione stradale nei cen­tri abi­tati, anche più iso­lati». A Palaz­zo Malaspina Nich­eso­la la polizia locale tro­verà la nuo­va base oper­a­ti­va, che costerà cir­ca 9.000,00 euro, dota­ta di soft­ware spe­cial­is­ti­co, stam­pante e copi­atrice mul­ti­fun­zionale, pc e stam­pante, cen­trali­no tele­fon­i­co per ridurre la tem­p­is­ti­ca lega­ta alla ges­tione delle infrazioni: «Ed avrà più tem­po per pre­sidiare il ter­ri­to­rio». Tale stazione era nec­es­saria alla stes­sa Comu­nità, che per del­e­ga, eserci­ta alcune fun­zioni di polizia locale, urbana, rurale e ammin­is­tra­ti­va in occa­sioni stra­or­di­nar­ie come man­i­fes­tazioni, sagre e mer­cati e nelle emergenze.

Parole chiave: -

Commenti

commenti