Dalle ambulanzeal servizio di vigilanza

Tema: Sicurezza gardesana

20/02/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Intan­to gli otto sin­daci del­la spon­da veronese, in questo peri­o­do, han­no lavo­ra­to ad un doc­u­men­to comune da inte­grare al pro­to­col­lo pro­pos­to da Maroni per il pat­to sul lago. Il 22 gen­naio i pri­mi cit­ta­di­ni han­no invi­a­to le loro osser­vazioni al Gabi­net­to del Vim­i­nale, all’assessore regionale del Vene­to Mas­si­mo Gior­get­ti e al Prefet­to di Verona Italia For­tu­nati. Scrivono: «Si richiede di val­utare in sede di approvazione defin­i­ti­va del Pat­to per la sicurez­za dell’area lago di Gar­da, le seguen­ti osser­vazioni: ai Comu­ni sot­to­scrit­tori del pat­to ver­rà garan­ti­ta una più equa dis­tribuzione dei trasfer­i­men­ti dal­lo Sta­to pro-capite, che avvii un con­cre­to riequi­lib­rio tra di loro; al fine di garan­tire nel­la sta­gione tur­is­ti­ca (dal 1 mar­zo al 31 otto­bre) il miglio­ra­men­to degli inter­ven­ti di soc­cor­so, sia garan­ti­ta la pre­sen­za di almeno 3 ambu­lanze med­ical­iz­zate aggiun­tive al piano gesti­to dal Suem 118 di Verona; per la ges­tione in for­ma asso­ci­a­ta del servizio di polizia locale, tale pat­to ver­rà este­so a tut­ti i Comu­ni del dis­tret­to Vr6A e Vr1A, (Affi, Cavaion, Coster­mano, San Zeno, Riv­o­li, Fer­rara, Capri­no, Brenti­no Bel­luno, Valeg­gio e Pas­tren­go)». E sot­to­lin­eano: «si evi­den­zia che la Comu­nità del Gar­da rap­p­re­sen­ta solo parzial­mente i Comu­ni dell’interra area veronese». Anco­ra: «durante il peri­o­do esti­vo, per inten­si­fi­care il servizio di vig­i­lan­za, siano garan­tite da parte del­lo Sta­to le nec­es­sarie risorse aggiuntive….in dero­ga al pat­to di sta­bil­ità, non devono riten­er­si com­p­rese le spese des­ti­nate dai Comu­ni alla sicurez­za. I servizi svolti su coman­do del­la Prefet­tura devono essere finanziati con risorse diverse da quelle atti­nen­ti al servizio ordi­nario».

A.S.
Parole chiave:

Commenti

commenti