Sabato 28 marzo, dalle 20.30 alle 21.30, luci spente al castello cittadino e illuminazione parziale sul lungolago e a Rivoltella. Un percorso di candele illuminerà la Chiesa di San Biagio, sede del Concerto di Pasqua

Terza ora della terra a Desenzano del Garda

Parole chiave:
Di Redazione

Scoc­ca per il ter­zo anno con­sec­u­ti­vo “L’Ora del­la Ter­ra” a Desen­zano del Gar­da. L’amministrazione comu­nale aderisce all’iniziativa mon­di­ale pro­mossa dal Wwf e alla nona edi­zione, per favorire il cam­bi­a­men­to glob­ale a par­tire dai com­por­ta­men­ti indi­vid­u­ali. Il prossi­mo saba­to 28 mar­zo dalle 20.30 alle 21.30, in tut­to il piane­ta mon­u­men­ti, case, uffi­ci, cit­tà rester­an­no non illu­mi­nati per un’ora, a tes­ti­mo­ni­an­za dell’impegno di cit­ta­di­ni, gov­erni, asso­ci­azioni e orga­niz­zazioni nel­la lot­ta al cam­bi­a­men­to cli­mati­co e per uno stile di vita più sosteni­bile.

L’Ora del­la ter­ra – Earth Hour” è la più grande mobil­i­tazione glob­ale, nata come even­to sim­bol­i­co per fer­mare il cam­bi­a­men­to cli­mati­co, coin­volge comu­nità di tut­to il mon­do nel­lo speg­nere per un’ora, attra­ver­so i vari fusi orari, le luci dal Paci­fi­co alle coste atlantiche. Nel 2014, set­temi­la cit­tà e due mil­iar­di di per­sone han­no spen­to le luci in 163 Pae­si.

Anche Desen­zano farà la sua parte saba­to 28 mar­zo: «Dalle 20.30 alle 21.30 – spie­ga l’assessore all’Ecologia Mau­r­izio Maf­fi – speg­ner­e­mo l’illuminazione del castel­lo e solo il mas­tio ver­rà rischiara­to da fas­ci di luce verde e azzur­ro, i col­ori del­la Ter­ra. Ver­ran­no abbas­sate e parzial­mente spente per un’ora le luci nel cen­tro stori­co del­la cit­tà e a Riv­oltel­la, saran­no ridotte anche le luci su piaz­za degli , men­tre l’accesso alla chiesa di San Bia­gio, sede del Con­cer­to di Pasqua, sarà trac­cia­to da un per­cor­so di can­dele».

In occa­sione del tradizionale “Con­cer­to di Pasqua” pro­mosso dall’amministrazione comu­nale a con­clu­sione del­la Sta­gione con­cer­tis­ti­ca 2014/2015, con il sopra­no Beat­rice Bin­da, il mez­zoso­pra­no Jee Hee Han e il Ned Ensem­ble, pri­ma dell’evento, all’esterno del­la chiesa ver­rà proi­et­ta­to un cor­tome­trag­gio sui cam­bi­a­men­ti cli­mati­ci per spie­gare il sen­so di un’Ora del­la Ter­ra.

Il 2014 è sta­to reg­is­tra­to come l’anno più cal­do sul­la Ter­ra a par­tire dal 1880: da allo­ra la tem­per­atu­ra media del­la super­fi­cie ter­restre è aumen­ta­ta di 0,8°C. Sono sta­ti quin­di superati i record prece­den­ti, sia del 2005 che del 2010. I dieci anni più cal­di, a eccezione del 1998, sono tut­ti nel peri­o­do dal 2000 a oggi. Il cam­bi­a­men­to cli­mati­co è una delle minac­ce più dev­as­tan­ti per gli eco­sis­te­mi, la bio­di­ver­sità, la stra­or­di­nar­ia ric­chez­za del­la vita sul­la Ter­ra, gra­zie alla quale deriv­i­amo il nos­tro benessere e il nos­tro svilup­po e la vita di mil­ioni e mil­ioni di per­sone sul piane­ta. Sui social è pos­si­bile con­di­videre l’evento usan­do gli “hash­tag” #Your­Pow­er #EarthHour2015 e #Oradel­laTer­ra.

Castello Desenzano

Parole chiave: