On The Road – insieme con i giovani a fianco delle emergenze”

Di Redazione

Sarà pre­sen­ta­to questo ven­erdì 8 aprile alle 18, pres­so Palaz­zo Tode­s­chi­ni (Sala Pelèr), il prog­et­to “On The Road – insieme con i gio­vani a fian­co delle emer­gen­ze” pro­mosso dal grup­po Lions Club Desen­zano Lago, che sostiene l’iniziativa come ser­vice pluri­en­nale, con il patrocinio del Comune di Desen­zano del Gar­da.

Il prog­et­to è sta­to lan­ci­a­to nel 2007 da un for­mat del gior­nal­ista Alessan­dro Inver­ni­ci e da un’idea dell’agente Giuseppe Fuschi­no dell’allora Con­sorzio di Valse­ri­ana, con l’obiettivo prin­ci­pale di “dif­fondere tra le nuove gen­er­azioni una rin­no­va­ta con­sapev­olez­za in mate­ria di sicurez­za stradale ed edu­cazione alla legal­ità tramite il coin­vol­gi­men­to atti­vo di gio­vani over 18”. L’iniziativa, uni­ca in Italia, si è già con­cretiz­za­ta per le strade e in vari cen­tri del­la Berga­m­as­ca e del Milanese e offre agli stu­den­ti delle scuole sec­on­darie di sec­on­do gra­do l’opportunità di “vestire” i pan­ni degli agen­ti di Polizia locale, parte­ci­pan­do e veden­do con i pro­pri occhi l’operatività quo­tid­i­ana delle forze dell’ordine coin­volte nel prog­et­to. Un modo inno­v­a­ti­vo e riv­o­luzionario di edu­care le nuove gen­er­azione al tema del­la sicurez­za sul­la stra­da e alla legal­ità in modo prati­co, atti­vo e partecipe, con il sup­por­to anche dei nuovi stru­men­ti di comu­ni­cazione attra­ver­so video e social network.

Alla pre­sen­tazione di ven­erdì 8 aprile inter­ver­ran­no: il sin­da­co , il gior­nal­ista e ideatore del prog­et­toAlessan­dro Inver­ni­ci, Clau­dia Masi­nari già coman­dante dell’Unione Insieme sul Serio e Car­lal­ber­to Pres­ic­ci, coman­dante del­la Polizia locale di Desen­zano. Dopo le tes­ti­mo­ni­anze dei ragazzi “On The Road”, le con­clu­sioni saran­no affi­date a Gian­car­lo Bassi, pres­i­dente dell’associazione socio educa­ti­va Ragazzi On The Road.

On The Road” serve anche a raf­forzare il sen­so di comu­nità, in par­ti­co­lar modo tra le gio­vani gen­er­azioni. I ragazzi diven­tano pro­tag­o­nisti nell’affrontare le emer­gen­ze, scen­dono in cam­po con le isti­tuzioni e vestono di vol­ta in vol­ta i pan­ni di agen­ti del­la Polizia locale, pom­pieri, volon­tari del Gar­da e Croce rossa. Un’esperienza socio-educa­ti­va che las­cia il seg­no e aiu­ta a mat­u­rare coscien­za e con­sapev­olez­za.

L’iniziativa si è potu­ta fre­gia­re negli anni del patrocinio di vari enti: Con­siglio regionale del­la Lom­bar­dia, Comune di Berg­amo — Asses­so­ra­to alla Sicurez­za, Polizia Locale e , Polizia provin­ciale di Berg­amo, Comu­nità Mon­tana Valle Seri­ana, Pro­moSe­rio, Uffi­cio Sco­las­ti­co Provin­ciale, Uffi­cio Pas­torale Età Evo­lu­ti­va del­la Dio­ce­si di Berg­amo, Asl Berg­amo, Berg­amo Cap­i­tale del­la Cul­tura, Cam­era di Com­mer­cio Berg­amo, Comu­nità Mon­tana Valle Seri­ana, Auto­mo­bile Club Berg­amo, Tour­ing Club Ital­iano, Areu 118 e Ata­lan­ta B.C.

L’obiettivo gen­erale è sta­to quel­lo di ridurre le dis­tanze tra uten­ti del­la stra­da e forze dell’ordine e di far capire ai gio­vani che l’utilizzo di sostanze proib­ite come alcol e droghe è dele­te­rio, in par­ti­co­lar modo quan­do si è alla gui­da. Uno dei mes­sag­gi trasmes­si è sta­to quel­lo che il diver­ti­men­to in com­pag­nia di coetanei e ami­ci è pos­si­bile sen­za ricor­rere sis­tem­ati­ca­mente allo “sbal­lo”. I ragazzi, parte­ci­pan­do alle ser­ate “pratiche” di con­trol­li, han­no appre­so cosa sig­nifi­ca esager­are quan­do si è al volante o in sel­la a una moto e, gra­zie all’esperienza, edu­cano sia loro stes­si che i loro coetanei sui rischi con­nes­si a una gui­da impru­dente e irresponsabile.