Rimesso in acqua il pittoresco «gozzo» colorato che per decenni ha solcato le acque. Il nuovo «Caronte» si chiama Brogio: sostituirà il compianto Bertoldi

Torna a lago la barca del «Baì»

31/03/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Nicola Alberti

La bar­ca col­orata di Pietro Bertol­di, conosci­u­to da tut­ti i sirmione­si con il sopran­nome di «Baì», purtrop­po scom­par­so lo scor­so anno, tornerà a sol­care le acque che bag­nano la peniso­la di Cat­ul­lo con un nuo­vo bar­caio­lo. Il Baì era un vero per­son­ag­gio. Fino all’età di 88 anni ave­va con­dot­to con nav­i­ga­ta espe­rien­za la sua bar­che­t­ta di leg­no dai vis­tosi col­ori nelle acque sirmione­si, accom­pa­g­nan­do i tur­isti nel giro del­la Peniso­la: dal Castel­lo alle , da lì alla fonte Boio­la e ritorno. Per­sona sem­plice e ser­e­na, il Baì ave­va sem­pre rispos­to a chi gli sug­geri­va di goder­si la pen­sione che «la bar­ca è la mia vita, sul lago sono tran­quil­lo e non mi man­ca niente». La malat­tia che lo ha por­ta­to alla morte, lo ave­va costret­to a las­cia­re la sua attiv­ità per oltre un anno e, nonos­tante l’af­fet­to delle figlie e dei nipoti, rimpiange­va il non pot­er fare il suo «giret­to». Oggi quel­la bar­ca è tor­na­ta a sol­care le acque sirmione­si col­man­do, almeno in parte, un vuo­to las­ci­a­to nel cuore e nel­la tradizione dei sirmione­si. A guidar­la è Ambro­gio Spa­to­la, 46 anni, appas­sion­a­to di lago, buon conosc­i­tore del Gar­da. Ha anche indos­sato la divisa del­la Mari­na mil­itare ital­iana su e giù per il Mediter­ra­neo. La bar­ca del Baì, un fuori­bor­do di sei metri, in leg­no, dal­l’in­con­fondibile ver­ni­ciatu­ra gial­la, rossa e blu, pri­ma di tornare in acqua è sta­ta rimes­sa a nuo­vo dal­la dit­ta Marai, altro nome che ha una sto­ria tra i cantieri nau­ti­ci. Come vuole la tradizione nau­ti­ca il nuo­vo tim­o­niere avrà un sopran­nome «il Bro­gio», men­tre la bar­ca si chi­amerà «Baì» e c’è da scom­met­ter­ci che ogni vol­ta che salperà, qual­cuno lassù abbozzerà uno dei suoi dis­ar­man­ti sorrisi.

Parole chiave: