Un protocollo d'intesa tra l'amministrazione comunale e le organizzazioni sindacali territoriali affinché venga promosso, periodicamente, un confronto aperto in merito alla situazione economica ed occupazionale della zona.

Tra Giunta rivana e sindacati pronto un protocollo d’intesa

17/02/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
gl.m.

Un pro­to­col­lo d’in­te­sa tra l’am­min­is­trazione comu­nale e le orga­niz­zazioni sin­da­cali ter­ri­to­ri­ali affinché ven­ga pro­mosso, peri­odica­mente, un con­fron­to aper­to in mer­i­to alla situ­azione eco­nom­i­ca ed occu­pazionale del­la zona. E’ quel­lo che han­no impronta­to nei giorni scor­si i rap­p­re­sen­tati del­la Cgil, Cisl e Uil e la giun­ta di Riva nel­l’am­bito del­la dis­cus­sione iner­ente al bilan­cio finanziario 2001 del comune. Con questo pro­to­col­lo, non anco­ra fir­ma­to ma già sti­la­to, l’esec­u­ti­vo rivano s’im­peg­na ad oper­are un con­fron­to con la “trip­lice” pre­ven­ti­va­mente ad ogni delib­er­azione che trat­terà di scelte ammin­is­tra­tive di par­ti­co­lare ril­e­van­za. L’ob­bi­et­ti­vo del­la giun­ta e dei sin­da­cati locali è quel­lo di miglio­rare qual­i­ta­ti­va­mente il tes­su­to eco­nom­i­co ed indus­tri­ale, l’oc­cu­pazione e le con­dizioni sociali del­la zona, innalzare la qual­ità del lavoro e delle imp­rese e la qual­i­fi­cazione pro­fes­sion­ale dei lavo­ra­tori. Una col­lab­o­razione fat­ti­va tra le par­ti in causa mira­ta ad un aiu­to con­cre­to delle fasce più deboli del mer­ca­to del lavoro, «nel rispet­to — si legge nel doc­u­men­to — del­la dig­nità e del­la autono­mia derivante dai diver­si ruoli e dalle diverse respon­s­abil­ità istituzionali».