Tra Riva e Limone bloccato dall'ultimo giorno dell'anno il trasporto dei veicoli

Traghetto in avaria: rimane soltanto il battello

02/01/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Rocam­bo­le­sco week-end di fine anno per il traghet­to Min­cio che, da quan­do la Garde­sana è chiusa per frana, è diven­ta­to l’u­ni­ca maniera per trasportare un vei­co­lo da Riva del Gar­da a Limone, evi­tan­do un impro­poni­bile giro del lago di cir­ca 170 chilometri. Domeni­ca 31, ver­so le 10.30, men­tre sta­va attrac­can­do al molo rivano, un guas­to elet­tron­i­co ha mes­so fuori uso uno dei motori del traghet­to e il cap­i­tano Francesco Bacchin ha dovu­to sudare quat­tro cam­i­cie per effet­tuare lo sbarco.L’esperienza, uni­ta al pron­to soc­cor­so del­la motovedet­ta dei pom­pieri, ha con­sen­ti­to l’at­trac­co, dopo un paio di giri al largo per impostare al meglio l’op­er­azione. Sbar­cati passeg­geri e veicoli, la , si è atti­va­ta per le riparazioni. Ma soltan­to alle 17 il servizio traghet­to (nel frat­tem­po sos­ti­tu­ito soltan­to da un bat­tel­lo per i passeg­geri) ha potu­to ripren­dere rego­lar­mente. Ma non era finita…Ieri mat­ti­na il traghet­to Min­cio ha fat­to anco­ra i capric­ci, con­siglian­do all’e­quipag­gio di non rischiare la : così, e ques­ta vol­ta per tut­to il giorno, l’u­ni­co cor­done ombe­l­i­cale tra Riva e la spon­da bres­ciana è sta­to il bat­tel­lo Verona, che ha fat­to la spo­la con i passeg­geri. Il malan­no del traghet­to, cap­i­ta­to nei giorni di fes­ta, ha lim­i­ta­to i dan­ni al solo pic­co­lo tur­is­mo veico­lare di questi tem­pi. Ma da oggi si met­tono in movi­men­to le mer­ci, i for­n­i­tori. Cosa suc­ced­erà? E cosa suc­ced­erà — peg­gio anco­ra — se il traghet­to dovesse avere prob­le­mi in «sta­gione»? E come farà il por­to di Riva (che è nel cuore del cen­tro stori­co) a sop­portare il caoti­co movi­men­to di mezzi? Chiu­so tra nubi nere il 2000, il nuo­vo anno si apre con la prospet­ti­va di un’au­t­en­ti­ca tem­pes­ta. La frana s’è por­ta­ta la chiusura del­la stra­da: ma c’è chi spera che qualche rappez­zo sia anco­ra pos­si­bile. Per pri­mo il con­siglio comu­nale di Riva, che a giorni si riu­nirà per chiedere alla Provin­cia una soluzione diver­sa da quel­la pre­caris­si­ma dei traghet­ti, che già è anda­ta in crisi pochi giorni dopo il debutto.

Parole chiave: -