Marchi aiuta e convince i costruttori

Tranquilli, i carri ci saranno

20/09/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Arco

I fans del Gran di Arco pos­sono stare tran­quil­li ed atten­dere fiduciosi le man­i­fes­tazioni del­l’edi­zione 2003. Mal­gra­do le grosse dif­fi­coltà dovute essen­zial­mente alla real­iz­zazione del nuo­vo capan­none a San Gior­gio, le sfi­late dei car­ri alle­gori­ci — il clou del famoso carnevale arcense — saran­no garan­tite. Paro­la del pres­i­dente del Comi­ta­to Gran Carnevale Albi­no Marchi e del rap­p­re­sen­tante del­l’as­so­ci­azione dei costrut­tori Mario Mat­teot­ti, che ieri han­no fir­ma­to e dif­fu­so un breve e chiaro comu­ni­ca­to per ren­dere con­to del­l’in­con­tro che si è svolto nei giorni scor­si in segui­to alle pre­oc­cu­pazioni espresse dagli stes­si costrut­tori. Questi, pro­prio per voce di Mat­teot­ti, visti i ritar­di con cui pro­ce­dono i lavori del capan­none, ave­vano det­to che sarebbe sta­to meglio rin­un­cia­re per un anno ai car­ri. Il Comi­ta­to allo­ra si è impeg­na­to ad agevolar­li pre­dispo­nen­do, quan­do richiesto, le sovras­trut­ture di fer­ro in fase di alles­ti­men­to dei nuovi rimorchi. L’uno e gli altri, scrivono Marchi e Mat­teot­ti, così «han­no volu­to rib­adire l’at­tac­ca­men­to alla man­i­fes­tazione e ricam­biare la fidu­cia degli Enti pub­bli­ci e delle Aziende pri­vate che stan­no con­tribuen­do alla ricostruzioen del nuo­vo capannone».

Parole chiave: