Trans Benaco: Arrivo prima tappa

10/07/1999 in Sport
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Era­no oltre ottan­ta le imbar­cazioni iscritte alla 13a edi­zione del­la Trans Ben­co Cruise Race — Tro­feo Inox­pran, sal­pa­ta ques­ta mat­ti­na, saba­to 24 luglio, dal Por­to di Portese alla vol­ta del tra­guar­do, del­la pri­ma tap­pa, di Riva del Gar­da. Uno spet­ta­co­lo indi­men­ti­ca­bile, di vele che riem­pi­vano tut­to lo spec­chio d’ac­qua anti­s­tante il gol­fo di Salò, reso ancor più sug­ges­ti­vo ed emozio­nante quan­do gli skip­per han­no dato ordine di issare i var­i­opin­ti e col­oratis­si­mi spin­naker. Una decisone adot­ta­ta da qua­si tut­ti gli equipag­gi, e nor­mal­mente insoli­ta in un avvio mat­tuti­no di una gara vel­i­ca sul lago di Gar­da, per sfruttare quei pochi refoli di ven­to che scen­de­vano dalle val­li cir­costan­ti per andare a morire nel lago. Una parten­za lenta, con alcune penal­iz­zazioni per parten­za antic­i­pa­ta, con ven­to di Boarén che anda­va a mesco­lar­si con un leg­gero Ora che, nel­la risali­ta ver­so l’al­to lago, con­tin­u­a­va a raf­forzarsi por­tan­do prati­ca­mente tut­ti i parte­ci­pan­ti all’ar­ri­vo di Riva del Gar­da nel tem­po mas­si­mo con­sen­ti­to. Una rega­ta gio­ca­ta soprat­tut­to, nel­la parte iniziale con astuzia e conoscen­za dei ven­ti garde­sani e, almeno sino nei pres­si di Gargnano, dal­la for­tu­na. Non sarà cer­to cosi la sec­on­da tap­pa che, par­tendo da Riva, scen­derà domani mat­ti­na, domeni­ca, a Portese. Nel­l’al­to Gar­da di buona mat­ti­na il Pelér non man­ca mai e la disce­sa diven­ta qua­si una gara di veloc­ità. Al via man­ca­va quest’an­no Lisa, la bar­ca da bat­tere, in quan­to deten­trice delle ultime due vit­to­rie di ques­ta Trans Bena­co che sem­pre più si sta impo­nen­do nel panora­ma delle regate più impor­tan­ti e fre­quen­tate del lago di Gar­da. In ser­a­ta ai regatan­ti si sono aggiun­ti, a Riva del Gar­da, anche i parte­ci­pan­ti al raduno di auto d’e­poca del Cir­co­lo seduzioni d’e­poca che, per­cor­ren­do la garde­sana occi­den­tale e devian­do per Tig­nale per lo spunti­no di mez­zo­giorno, han­no poi rag­giun­to in ser­a­ta il piaz­za­le del­la Fraglia Vela di Riva del Gar­da. La pri­ma imbar­cazione a tagliare il tra­guar­do di Riva è sta­ta, alle ore 15.00, il Cro­cera D My Vida tim­o­na­to da Don­ni­no Sperza­g­ni segui­to, 11 minu­ti dopo, dal Crociera E Te Dur skip­per Luca Bianchi. Due minu­ti dopo è sta­ta la vol­ta del monotipo Lady B di segui­to dal Crocier­aC Cabi­la. Al pri­mo pos­to per i Crociera O si è clas­si­fi­ca­to Medi­a­tel; Motoro­la First, di Cesare Pasot­ti, per gli Asso 99 e Quasar, con Luca Vale­rio, per gli Ufo. Penal­iz­za­to invece Arlechin, di Laris Gais­er, che ha dovu­to cedere la pri­ma posizione a Tiger X 79 con al tim­o­ne Ric­car­do Sig­noret­to. Domani nuo­va clas­si­fi­ca che, som­ma­ta a quel­la odier­na fornirà la clas­si­fi­ca finale di ques­ta edi­zione del­la Trans Ben­cao Cruise Race. Alle pre­mi­azioni, che si effettuer­an­no al Park Hotel Casimiro, sarà pre­sente anche il neo asses­sore allo Sport del­la Provin­cia di Bres­cia Alessan­dro Sala.

Luigi Del Pozzo
Parole chiave:

Commenti

commenti