Cartiere in festaper valorizzarestoria e natura

Tre giorni di iniziative culturali

Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

La valle, il fiume, la gente» è il tito­lo del­la man­i­fes­tazione che prende il via a Toscolano Mader­no nel­la .Da oggi fino a domeni­ca alle ore 18, gra­zie alla col­lab­o­razione con l’As­so­ci­azione stori­co arche­o­log­i­ca del­la Riv­iera (Asar), saran­no atti­vate gra­tu­ite, con parten­za di fronte al munici­pio. Resterà aper­to anche il nuo­vo inau­gu­ra­to il 2 giug­no, pres­so il Cen­tro di eccellenza.Obiettivo del­la man­i­fes­tazione è val­oriz­zare gli aspet­ti nat­u­ral­is­ti­ci del luo­go, nonché quel­li più spec­i­fi­cata­mente cul­tur­ali e stori­ci, deter­mi­nati dal­la pre­sen­za di impor­tan­ti tes­ti­mo­ni­anze di arche­olo­gia indus­tri­ale. L’altro aspet­to, più social­iz­zante, è cos­ti­tu­ito dai momen­ti di aggregazione, all’in­seg­na del relax e del­la tran­quil­lità in un con­testo sug­ges­ti­vo, con gas­trono­mia tradizionale e musi­ca da ascolto, in una delle aree più impor­tan­ti e conosciute: Maina Supe­ri­ore, di fronte a Palaz­zo Maf­fiz­zoli. La valle, per­cor­ri­bile solo a pie­di, sarà illu­mi­na­ta, con effet­ti sug­ges­tivi. Per l’in­tera man­i­fes­tazione sarà oper­a­ti­vo un bus-navet­ta gra­tu­ito per il trasporto del pub­bli­co, con par­ti­co­lare atten­zione ad anziani e disabili.Per quan­to riguar­da gli aspet­ti gas­tro­nomi­ci ques­ta sera in tavola si tro­va spiedo e polen­ta, domani e domeni­ca si potrà scegliere tra polen­ta uta (chia­ma­ta anche taragna, o buna) accom­pa­g­na­ta da invol­ti­ni, lögane­ga, porchet­ta e tortelli­ni. La colon­na sono­ra sarà garan­ti­ta da alcu­ni grup­pi musi­cali locali.L’iniziativa è pro­mossa dal­l’Asses­so­ra­to al tur­is­mo del comune di Toscolano Mader­no, guida­to da Fabio Cauzzi, e dal­la Fon­dazione «Valle delle cartiere». L’or­ga­niz­zazione oper­a­ti­va del­la tre giorni è cura­ta da tre asso­ci­azioni no prof­it: Altopi­ano, , Gargnano Pro Bielorus­sia. Han­no dato il loro patrocinio la Provin­cia di Bres­cia, la Comu­nità mon­tana bres­ciano, il Con­sorzio Riv­iera dei limoni, la .