Il «buon ritiro» alla Fraglia è finito. Federica Salvà, Nicola Celon e «Dede» De Luca vanno in Australia

Tre vele veronesi verso Sydney

18/08/2000 in Sport
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Luca Belligoli

Mal­ce­sine come Syd­ney e Navene, dove si tro­va la base nau­ti­ca del­la locale Fraglia vela affol­la­ta e pul­lu­lante di feb­brile attiv­ità al pari di Rush­cut­ters Bay, il quarti­er gen­erale del­la vela ai prossi­mi giochi olimpi­ci. Il paragone non è azzarda­to. Per tut­ta l’estate nell’alto Gar­da veronese, che è con­sid­er­a­to tra i migliori campi di rega­ta del mon­do, han­no incro­ci­a­to centi­na­ia di velisti stranieri che pren­der­an­no parte alle Olimpia­di oltre a tut­ta la nazionale ital­iana che si è allena­ta all’ombra del Castel­lo scaligero fino a pochi giorni fa pri­ma di par­tire per Syd­ney. È la pri­ma vol­ta, che alla vig­ilia dei Giochi, la squadra azzur­ra, cap­i­tana­ta dal pres­i­dente del­la Fiv Ser­gio Gaibis­so e dal com­mis­sario tec­ni­co Valentin Mankin, si ritro­va tut­ta assieme. «Pri­ma delle Olimpia­di di Atlanta gli equipag­gi delle diverse clas­si si allenarono ognuno per con­to suo », spie­ga Fed­er­i­ca Salvà la cam­pi­ones­sa di Castel­let­to di Bren­zone che a Syd­ney con il 4.70 difend­erà i col­ori dell’Italia in equipag­gio con Emanuela Sos­si . « Qui invece a ter­ra si fa vita in comune ma gli allena­men­ti sono per­son­al­iz­za­ti. Una for­mu­la sti­molante che per­me­tte anche di fare grup­po. Noi sti­amo effet­tuan­do la preparazione con l’equipaggio maschile del 4,70 for­ma­to dai fratel­li Mat­teo e Francesco Ival­di». «Ci è sta­ta data anche la pos­si­bil­ità di invitare equipag­gi stranieri », gli fa eco Luna Devoti, il cam­pi­one veronese che a set­tem­bre con il Finn parteciperà alla sua sec­on­da Olimpiade ‚« questo è fon­da­men­tale per le clas­si come il Finn, che è solo maschile, oppure per l’Europa, dove gareg­giano solo le donne. In questo modo si pos­sono avere dei ter­mi­ni di paragone obi­et­tivi.» «Noi ogni giorno ingag­giamo esten­u­an­ti duel­li con Jochen Shu­mann del­la Ger­ma­nia, che è il numero uno al mon­do nel rank­ing match race e i for­tis­si­mi Philippe Presti e Pao­lo Cian » rac­con­ta Nico­la Celon che è in equipag­gio con Daniele De Luca e Michele Pao­let­ti sul Sol­ing. « Alla sera esamini­amo tut­to a tavoli­no con gli allena­tori. A Syd­ney avre­mo di fronte avver­sari esper­tis­si­mi e di grande tal­en­to e quin­di non pos­si­amo per­me­t­ter­ci di las­cia­re nul­la al caso». «L’ospitalità che ci ha ris­er­va­to la Fraglia di Mal­ce­sine è com­movente », sot­to­lin­ea Daniele “Dede” De Luca che si è guadag­na­to il sopran­nome di Bar­richel­lo per la sua somiglian­za al pilota del­la Fer­rari ‚« il sup­por­to tec­ni­co in acqua e a ter­ra è eccel­lente. Ma non solo, qui tut­ti gli atleti si sentono a loro agio come fos­sero in famiglia». Oltre ai velisti azzur­ri già citati i volon­tari del­la Fraglia han­no “adot­ta­to” anche l’“imperatrice” toscana del wind­surf Mis­tral Alessan­dra Sensi­ni, i fratel­li “volan­ti” Francesco e Gabriele Bruni (49Er), la tri­esti­na Laris­sa Nieverov (Europa), il lig­ure Diego Negri (Laser), gli “acro­bati” Giu­liani Loren­zo e Mar­co Bod­i­ni (Tor­na­do) e il sicu­lo Ric­car­do Gior­dano (wind­surf Mis­tral). Tra qualche mese però le migli­a­ia di velisti da tut­to il mon­do che fre­quen­tano Mal­ce­sine potran­no usufruire di servizi anco­ra più effi­ci­en­ti: «Entro quest’anno, quan­do saran­no for­mal­iz­za­ti i per­me­s­si e le con­ces­sioni, dis­porre­mo di un buon numero di posti bar­ca che saran­no rica­vati con l’installazione di pon­tili gal­leg­gianti e quin­di con bas­so impat­to ambi­en­tale », spie­ga il pres­i­dente del­la Fraglia vela Mal­ce­sine Tes­ta . «L’altro obi­et­ti­vo è quel­lo di costru­ire la nuo­va sede nau­ti­ca che sarà inti­to­la­ta alla memo­ria di Simone Lom­bar­di, un gio­vanis­si­mo socio pre­mat­u­ra­mente scom­par­so. Allo­ra final­mente ten­doni e con­tain­er potran­no las­cia­re il pos­to ad un mod­er­no edi­fi­cio dota­to di tut­ti i con­fort. La nuo­va strut­tura porterà pure notevoli ben­efi­ci all’economia tur­is­ti­ca locale durante tut­to l’anno e non solo d’estate ed è vista con favore da alber­ga­tori e com­mer­cianti.» Luca Belligoli

Parole chiave:

Commenti

commenti