Gli ordinari diocesani di Verona, Brescia e Trento attesi per il rito nuziale nella giornata della famiglia. Sposalizio del Benaco: una coppia dirà il «sì» a bordo del veliero. Ai tempi della Serenissima, la cerimonia avveniva gettando un anello d’argento

Tre vescovi a nozze con il lago

23/04/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Tre vescovi su un veliero per cel­e­brare lo spos­al­izio del . Marte­di alle 12.30, con parten­za dal pic­co­lo ma bel­lis­si­mo por­to di Castel­let­to di Bren­zone, sarà questo il momen­to cul­mi­nante del­la gior­na­ta ded­i­ca­ta alla famiglia, orga­niz­za­ta dal­la pas­torale del tur­is­mo e del­la famiglia di Verona, Tren­to e Bres­cia. La gior­na­ta avrà pri­ma un momen­to di stu­dio, alla sala con­veg­ni del­la Gar­da Fam­i­ly House, la nuo­va strut­tura tur­is­ti­co-reli­giosa gesti­ta dalle Pic­cole suore del­la Sacra Famiglia del­la frazione di Bren­zone, ospiterà, a par­tire dalle 9.45, un con­veg­no sul tema «Famiglia: tem­po del­la sper­an­za. Ori­en­ta i tuoi tem­pi». Poi la gior­na­ta cul­min­erà nel­la sug­ges­ti­va cer­i­mo­nia nuziale pre­vista pro­prio sulle acque del lago. Alla tavola roton­da parteciper­an­no un ped­a­gogista e psi­col­o­go, Michele De Beni, uno psi­col­o­go, Lui­gi Pati, e don Ser­gio Nicol­li, diret­tore dell’ufficio famiglia del­la Cei, la Con­feren­za epis­co­pale ital­iana. Le rispet­tive relazioni saran­no tutte incen­trate sul­la famiglia, con in evi­den­za le esi­gen­ze, neces­sità e i doveri cui oggi la soci­età spinge il nucleo fon­da­men­tale tra per­sone. Il tut­to, dicono gli orga­niz­za­tori, rap­por­ta­to alla «sem­pre minore disponi­bil­ità di tem­po, che oggi scorre sem­pre trop­po veloce e che las­cia spes­so insod­dis­fat­ti». «Ma il momen­to più sug­ges­ti­vo del­la gior­na­ta, dopo l’importante tavola roton­da che darà a tut­ti motivi di rif­les­sione», ha illus­tra­to il sin­da­co di Bren­zone, Gia­co­mo Simonel­li, assieme agli asses­sori Dina Verone­si e Davide Benedet­ti, «è cer­ta­mente quel­lo del­la cer­i­mo­nia chiamata«sposalizio del lago. I tre vescovi delle dio­ce­si bena­cen­si — padre Flavio Rober­to Car­raro, ordi­nario di Verona, mon­sign­or Giulio San­guineti di Bres­cia e mon­sign­or Lui­gi Bres­san, arcivesco­vo di Tren­to — arriver­an­no a Castel­let­to e sali­ran­no a bor­do di un anti­co veliero per cel­e­brare il mat­ri­mo­nio di una gio­vane cop­pia, al largo, nelle acque lacus­tri. Un gesto cari­co di sig­ni­fi­ca­to propizia­to­rio, un ringrazi­a­men­to per il dono di questo mag­nifi­co lago, una cel­e­brazione del­la famiglia e anche un omag­gio al Gar­da». Nell’organizzazione logis­ti­ca dell’iniziativa è sta­ta coin­vol­ta anche l’Ugav, l’unione garde­sana alber­ga­tori verone­si, pre­siedu­ta da Giuseppe Loren­zi­ni. «Gra­zie alla disponi­bil­ità del pres­i­dente degli alber­ga­tori di Bar­dolino, », ha det­to Loren­zi­ni, «è sta­to pos­si­bile avere in uso il mag­nifi­co San Nicolò, uni­co veliero bial­bero rimas­to oggi, assieme alla Sio­ra Veron­i­ca, a sol­care le acque lacus­tri. Ver­rà ripro­pos­to», ha spie­ga­to Loren­zi­ni, «ma con una impor­tante vari­azione sul tema, un momen­to che, fin dai tem­pi del­la Repub­bli­ca di Venezia, veni­va cel­e­bra­to. Lo spos­al­izio delle acque, infat­ti, a Venezia, avveni­va get­tan­do una fede d’oro nel mare men­tre, sul Gar­da, avveni­va get­tan­do una fede d’argento nel lago, per una sor­ta di rispet­to ver­so il più impor­tante anel­lo d’oro veneziano. Quest’anno invece al rito dell’anello in acqua si è sos­ti­tu­ito un vero e pro­prio mat­ri­mo­nio, cel­e­bra­to da uno dei tre vescovi. Il tut­to a sim­bo­leg­gia­re il mat­ri­mo­nio tra uomo e don­na e con il Gar­da, bene prezioso per il sos­ten­ta­men­to eco­nom­i­co e mag­nifi­co pat­ri­mo­nio nat­u­ral­is­ti­co». Al vesco­vo toc­cherà quin­di il com­pi­to di intrec­cia­re tra loro le ghirlande che gli sposi avran­no sul pro­prio capo, e che poi ver­ran­no get­tate nel Gar­da. Un momen­to molto sug­ges­ti­vo, per assis­tere al quale sono attese centi­na­ia di per­sone, oltre che rap­p­re­sen­tan­ti delle isti­tuzioni, politi­ci e sin­daci dei pae­si limitrofi.

Parole chiave: -