Un dato preoccupante da un’indagine del Comune

«Troppi bambinichiusi in casa»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sara Mauroner

Dal­la dan­za al pat­ti­nag­gio, dalle arti marziali allo sport per dis­abili, tan­to cal­cio, vela sport acquati­ci. Sono queste alcune delle tante attiv­ità che asso­ci­azioni di Desen­zano orga­niz­zano per i cit­ta­di­ni. Nel­la lun­ga lista delle 60 realtà sportive non man­ca pro­prio nul­la per i desen­zane­si, siano adul­ti o bambini.E allo­ra stupisce un dato rac­colto dal Comune. Sec­on­do i risul­tati di un’indagine, l’84,8% dei bam­bi­ni trascorre il pro­prio tem­po libero a casa, con i non­ni o i gen­i­tori. Uno su cinque non ha, oltre la scuo­la, altre relazioni sociali per­ché non coin­volto in attiv­ità extrascolastiche.Corsi trop­po cos­tosi? Poca infor­mazione? Non si capisce come questo pos­sa accadere data la vas­ta pre­sen­za di asso­ci­azioni ricre­ative e sportive sul ter­ri­to­rio. «Già dai pri­mi anni di età è impor­tante avvic­inare i più gio­vani allo sport per­chè aiu­ta ad aprir­si, relazionar­si con gli altri e aiu­ta ad avere rispet­to per la pro­pria salute — spie­ga , pres­i­dente dell’associazione Asd Pro Desen­zano e da anni nel set­tore del­lo sport anche come asses­sore comu­nale -. I gio­vani impara­no a stare in grup­po, conoscono le regole del gio­co e lo spir­i­to di squadra. Anche se nel­la nos­tra cit­tà non c’è anco­ra un Palazzet­to del­lo Sport, le strut­ture non man­cano e le asso­ci­azioni sono molto attive. L’offerta è ampia, sia per gli adul­ti che per i più gio­vani, c’è solo l’imbarazzo del­la scelta».Dal pat­ti­nag­gio artis­ti­co per bam­bine dell’associazione Gardala­go alla pal­la­cane­stro per i maschi­et­ti, non man­cano di cer­to le attiv­ità per far diver­tire i più pic­coli. La Fraglia Vela di Desen­zano ha avvi­a­to una sin­go­lare inizia­ti­va: cor­si di vela per i bam­bi­ni pic­col­is­si­mi, dai 3 e i 5 anni. Da non dimen­ti­care i cor­si di cal­cio che l’Asd e altre impor­tan­ti asso­ci­azioni organizzano.Le scuole ele­men­tari di Desen­zano han­no parte­ci­pa­to lo scor­so anno alla quin­ta edi­zione del prog­et­to «Gio­co, diver­ti­men­to e poe­sia per una vita migliore». Un’iniziativa sporti­va final­iz­za­ta ad obi­et­tivi educa­tivi, che vede­va la parte­ci­pazione del­la Fed­er­azione ital­iana di atlet­i­ca leggera.«Le asso­ci­azioni si stan­no impeg­nan­do per inserir­si nelle scuole — spie­ga Giu­liano Garagna — vista l’ampia disponi­bil­ità delle cir­ca 45 realtà sportive che han­no a che fare con i più pic­coli, cercher­e­mo di col­lab­o­rare con le scuole per pot­er sup­plire alla scarsa attiv­ità fisi­ca svol­ta in orario scolastico».

Parole chiave: