L'Itc nell'aula magna e gli alunni fanno assemblea al cinema Zekyr. Ancora un appello di preside e insegnanti: serve spazio A metà novembre arriva la giunta della Provincia

Troppi studenti, il Gonzaga scoppia

Di Luca Delpozzo
Elia Botturi

Negli scor­si giorni il col­le­gio dei docen­ti del “Francesco Gon­za­ga”, insieme al diri­gente sco­las­ti­co, Ser­afi­no Mas­soni, ha lan­ci­a­to l’en­nes­i­ma richi­es­ta d’aiu­to per la caren­za di aule. Sono 32 le clas­si fra Liceo sci­en­tifi­co, clas­si­co e Ragione­r­ia, e l’an­no prossi­mo se ne prevede almeno una in più. E si fa più grave, quin­di, l’e­mer­gen­za spazio.Sebbene Provin­cia e Comune abbiano già finanzi­a­to un nuo­vo audi­to­ri­um da 700 posti, anche per­ché l’aula magna è sta­ta elim­i­na­ta per far spazio all’Itc, si è anco­ra alle prese con l’e­mer­gen­za logis­ti­ca. «Tale situ­azione — si legge nel­la delib­er­azione degli inseg­nan­ti — non solo rende dif­fi­cile lo svol­gi­men­to del­l’or­di­nar­ia attiv­ità sco­las­ti­ca, ma con­diziona anche il libero eser­cizio del dirit­to di assem­blea da parte degli stu­den­ti». E a questo propos­i­to il col­le­gio docen­ti ha defini­to inido­neo l’u­ti­liz­zo del­la palestra per le riu­nioni degli iscrit­ti. Per ora i ragazzi si trasferi­ran­no al cin­e­ma Zekyr, con l’af­fit­to paga­to dal comune, nonos­tante i prob­le­mi di sorveg­lian­za per il trasfer­i­men­to dal­la sede di via Leonar­do da Vin­ci fino alla sala di proiezione. Nat­u­ral­mente l’in­con­ve­niente sarà ovvi­a­to quan­do ver­rà costru­ito l’au­di­to­ri­um, già finanzi­a­to e con una dit­ta vincitrice del­l’ap­pal­to già indi­vid­u­a­ta. Tem­pi ben più lunghi, invece, per una strut­tura satel­lite che ospiterebbe altre aule e lab­o­ra­tori, per la quale servirebbe più di un mil­iar­do. Anche in questo caso il cos­to sarebbe a cari­co del­la Provin­cia, che però ad oggi ha stanzi­a­to 900 mil­ioni nel bilan­cio tri­en­nale, des­ti­nati al col­lega­men­to tra la futu­ra aula magna e la sede esistente. «Il Comune darà un seg­nale chiaro inseren­do nel piano pluri­en­nale alcune centi­na­ia di mil­ioni — spie­ga l’asses­sore Bertoli — L’edilizia sco­las­ti­ca supe­ri­ore è una com­pe­ten­za provin­ciale ma, come abbi­amo dimostra­to in questi anni, fare­mo la nos­tra parte».Nell’immediato sarà comunque dif­fi­cile pro­gram­mare inter­ven­ti edilizi, per­ciò il “Gon­za­ga” dovrà fare ricor­so a tut­ti gli spazi interni poten­zial­mente uti­liz­z­abili. Fra l’al­tro a metà novem­bre arriverà a Cas­tiglione la giun­ta provin­ciale gui­da­ta dal pres­i­dente Fontanili, e ci sarà modo di dis­cutere la questione.