I Verdi dell'Alto Garda, malgrado le rassicurazioni del sindaco Parolari, scendono in campo per difendere l'uliveto di Torbole

Tutela integrale per l’uliveto di Torbole

02/02/2003 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

I Ver­di del­l’Al­to Gar­da, mal­gra­do le ras­si­cu­razioni del sin­da­co Paro­lari, scen­dono in cam­po per difend­ere l’ulive­to di Tor­bole. Attra­ver­so l’asses­sore provin­ciale all’am­bi­ente Iva Berasi, han­no chiesto al Servizio beni cul­tur­ali di inter­venire per sal­va­guardar­lo appo­nen­dovi un vin­co­lo pae­sag­gis­ti­co, stori­co ed ambi­en­tale. «Tale area — scrivono -, una delle più belle anco­ra rimaste attorno al e che con­ser­va la memo­ria del­la saggez­za mil­lenar­ia insi­ta nel­l’ar­chitet­tura e nel­l’ingeg­ne­r­ia idro­ge­o­log­i­ca con­tad­i­na, si può forse con­sid­er­are l’ul­ti­mo areale con queste carat­ter­is­tiche esistente nel­la “Busa”, un vero e pro­prio doc­u­men­to di arche­olo­gia agraria. Impor­tan­ti doc­u­men­ti attes­tano come anche in pas­sato si sia vig­i­la­to sul­la sua con­ser­vazione da parte delle autorità pub­bliche. Quan­do, fra non molto, ver­rà riqual­i­fi­ca­ta la zona fra il Rev­elìm e la Val, si creerà un’ampia area di ril­e­vante pre­gio nat­u­ral­is­ti­co, oltreché stori­co-ambi­en­tale. Da ciò deriverà, diret­ta­mente ed indi­ret­ta­mente, un impor­tante ben­efi­cio per l’in­tera comu­nità, con con­seguente ricadu­ta pos­i­ti­va per le attiv­ità eco­nomiche del­la zona. L’o­live­to è oggi minac­cia­to dal­la ipo­tiz­za­ta stra­da di col­lega­men­to fra la Garde­sana e le Busat­te, che com­porterà il taglio di decine di antichi olivi ed una sig­ni­fica­ti­va alter­azione del­lo sta­to dei luoghi con la parziale demolizione dei gradoni sostenu­ti da muri a sec­co antichi di alcu­ni sec­oli. Tali muri per­al­tro sono già sta­ti intac­cati da alcu­ni “sondag­gi”». Tut­to questo, sec­on­do i Ver­di, «a van­tag­gio soltan­to di alcu­ni alberghi e pochi res­i­den­ti, le cui legit­time aspet­ta­tive di via­bil­ità pos­sono per­al­tro essere sod­dis­fat­te sen­za intac­care un’area così preziosa. I Ver­di aus­pi­cano per­tan­to un rapi­do ripen­sa­men­to da parte del­l’Am­min­is­trazione comu­nale di Nago Tor­bole, garan­ten­do la sal­va­guardia inte­grale del­l’o­live­to di Tor­bole».

Parole chiave: