Una interessante iniziativa per sensibilizzare i giovani

Tutti i colori della montagna al centro della mostra del Cai

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Rivoltella

Nel­la splen­di­da cor­nice di Vil­la Brunati, a Riv­oltel­la, va in sce­na dal 7 al 18 otto­bre «L’Aquilot­to Pel­le­gri­no», una mostra itin­er­ante pro­mossa dal Club alpino ital­iano di Desen­zano in occa­sione dell’Anno inter­nazionale delle mon­tagne. L’iniziativa si pro­pone di sen­si­bi­liz­zare i gio­vani ed è quin­di ind­i­riz­za­ta in pri­mo luo­go a tut­ti gli stu­den­ti delle scuole medie del bas­so Gar­da, i quali avran­no a dis­po­sizione al mat­ti­no un ric­co ven­taglio di vis­ite ris­er­vate. Per loro sono sta­ti approntati fil­mati sul­l’am­bi­ente alpino, pan­nel­li che pro­pon­gono novan­ta immag­i­ni di Gior­gio Mut­ti, fotografo nat­u­ral­ista spe­cial­iz­za­to negli scat­ti legati all’am­bi­ente mon­tano, e una sala per la visione di dia­pos­i­tive sulle prob­lem­atiche del­la mon­tagna. Oltre a fotografie e a fil­mati davvero spet­ta­co­lari — da non perdere quel­lo sulle valanghe -, i gio­vani vis­i­ta­tori potran­no cimen­ta­r­si nel­l’ar­rampi­ca­ta sporti­va, una delle più attraen­ti dis­ci­pline alpin­is­tiche. Allo scopo sarà appronta­ta, all’ester­no di Vil­la Brunati, una parete arti­fi­ciale alta sette metri, dove i gio­vani potran­no provare l’eb­brez­za del­l’ar­rampi­ca­ta in totale sicurez­za. L’istruttore delle sco­laresche sarà la gui­da alpina Pao­lo Preti. Ma la mostra cura­ta dal­la sezione desen­zanese del Cai non è ris­er­va­ta solo ai gio­vanis­si­mi. Se le mat­ti­nate saran­no ded­i­cate alle sco­laresche, gli orga­niz­za­tori han­no pre­vis­to orari ad hoc per per­me­t­tere a tut­ti col­oro che amano la mon­tagna di apprez­zare la mostra. In lin­ea di mas­si­ma, ogni giorno le vis­ite saran­no pos­si­bili dalle ore 18 alle 22.30, men­tre il saba­to la rasseg­na aprirà al pub­bli­co dalle 10 alle 12. Infine, la domeni­ca porte aperte anco­ra dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Infine domeni­ca 19 otto­bre, chiusa la mostra sull’«Aquilotto Pel­le­gri­no», il Cai di Desen­zano ha in pro­gram­ma la gior­na­ta eco­log­i­ca, alla quale sono invi­tati in par­ti­co­lare, oltre ai gio­vani che han­no pre­so parte al cor­so di alpin­is­mo gio­vanile, tut­ti gli stu­den­ti che con le loro clas­si vis­it­er­an­no la mostra. Par­tendo dal cen­tro stori­co di Desen­zano, un pic­co­lo eserci­to di volon­tari si spingerà ver­so il Monte Corno, per­cor­ren­do i «sen­tieri ritrovati» — un altro prog­et­to dei Cai — ormai prossi­mi all’in­au­gu­razione. Oltre un migli­aio di per­sone sarà al lavoro per rip­ulire le colline desen­zane­si. Un modo insoli­to ma effi­cace per sen­si­bi­liz­zare i più gio­vani alla tutela e al rispet­to del ter­ri­to­rio, non solo gardesano.

Parole chiave: