Il lago delle feste. Si comincia al mattino con la bandizione del palio tra le vie del paese, poi fiera delle antiche arti e sfilata Appuntamento stasera a Garda con la sfida tra i campioni della voga veneta

Tutti nell’acqua di Ferragosto

15/08/2003 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Angelo Peretti

Rius­ci­ran­no i sen­a­tori del Corset­to a ripetere l’exploit del­lo scor­so anno e a riv­in­cere il palio remiero di fer­ragos­to? Le pre­messe ci sono tutte. Anche per­ché, in con­tra­da, c’è eufo­ria per il recente, strepi­toso suc­ces­so del­la bis­sa di Gar­da nel­la dis­fi­da per la . Già, per­ché il pres­i­dente dei bis­saioli rossoblù è Ali­gi Pinci­ni, che è anche capoc­on­tra­da e voga­tore del Corset­to. Con lui rema il figlio Mat­teo (ventott’anni, uni­co espo­nente del­la lin­ea verde in un quar­tet­to tut­to over 50), che è anche nel quar­tet­to del­la bis­sa cam­pi­one. E poi la bis­sa regi­na e la con­tra­da cam­pi­one in car­i­ca si divi­dono Alber­to Malfer, 53 anni (è del 1949, come Ali­gi Pinci­ni), che con quel­la appe­na vin­ta di bandiere del­la Com­mu­ni­tas Bena­cen­sis ne ha por­tate a casa addirit­tura dieci. E con lui il fratel­lo Ettori­no, classe 1938, pun­to di rifer­i­men­to di chi­unque sul lago ami remare, una dozzi­na di bandiere nel pal­mares. Tra gli avver­sari, tut­ti con equipag­gi com­posti da voga­tori nati o res­i­den­ti a Gar­da, è temi­bilis­si­mo il Bor­go, che pri­ma del­lo scor­so anno ave­va mes­so in fila un tris di vit­to­rie strepi­tose. I rema­tori giallover­di han­no il dente avve­le­na­to, anche per­ché due di loro, Pier­francesco Maf­fez­zoli e Sil­vano Dall’Agnola, vogano sul­la bis­sa di , cui è sta­to strap­pa­to lo scettro del­la Bandiera del lago pro­prio all’ultima rega­ta, saba­to scor­so. A com­pletare il quar­tet­to ci sono Mas­si­mo Favet­ta e Rober­to Avanzi: un vero dream team. Anche il quar­tet­to del­la Rosa appare peri­coloso. Nel 2002 ave­va dato filo da torcere ai due equipag­gi favoriti, mem­o­re del­la vit­to­ria di cinque anni fa. Accan­to ai due Mon­ese, Mario e Fabio (Vale­rio, ter­zo voga­tore del­la famiglia, ha dato for­fait una vol­ta chiusa la pas­sa­ta edi­zione), c’è come sem­pre Mau­ro Faraoni, anche lui rema­tore delle bisse coi col­ori di Bar­dolino. Il quar­to uomo è un mostro sacro del mon­do del­la pesca pro­fes­sion­ale: Car­lo Pasot­ti, otti­mo rema­tore. Un’occhiata agli altri con­tenden­ti. Il Pio schiera Luca, Nino e Aldo Mon­ese, insieme a Simone Bal­das­sari. Insieme al capo­bar­ca Boni­fa­cio Bonomet­ti, la con­tra­da Por­to mette in liz­za Ivan Pozani, Emanuele Spa­da e Mar­co Gas­pari. La Spagna schiera invece Mar­co Favet­ta, Cris­t­ian Faraoni, Mar­co Maf­fez­zoli e Alvaro Chig­no­la. La Piaz­za si pre­sen­ta con Fabio Daduc­ci, Oscar Pinci­ni, Angi­oli­no Dall’Ora ed Alber­to Dalle Vedove. La Losa si affi­da a Nico­la Ambrosi­ni, William Bonomet­ti, Mar­co Malfer e Wal­ter Zuc­cot­to. In dif­fi­coltà quest’anno le Antiche Mura, che han­no tarda­to a comu­ni­care l’equipaggio. Così il pro­gram­ma del­la gior­na­ta. Si com­in­cia ques­ta mat­ti­na ver­so le 11.30 con la ban­dizione del palio nelle vie del paese. Alle 16 inizia, nel­la piaz­za del munici­pio, la fiera delle antiche arti e mestieri, a cura del­la com­pag­nia Sipario Medio­e­vale di Verona. Alle 19 il raduno degli equipag­gi e quin­di la sfi­la­ta nel cen­tro stori­co e a seguire la benedi­zione degli equipag­gi. Alle 21 ecco il «barche in acqua» e l’inizio delle regate. Alle 23.30 cir­ca si chi­ude con lo spet­ta­co­lo di fuochi d’artificio sul lago. Orga­niz­zano il Comune, l’associazione bisse La Roc­ca e la pro loco. Si voga sul­la “gon­do­la” da pesca in vetroresina.

Parole chiave: