Domenica in Franciacorta e sul Garda ritorna la grande manifestazione «Cantine aperte». Prodotti tipici e spettacoli oltre alla degustazione dei vini

Un brindisi alla salute di Bacco

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Ritor­na domeni­ca prossi­ma 26 mag­gio «Can­tine aperte», man­i­fes­tazione regionale giun­ta al dec­i­mo anno di vita che offre agli appas­sion­ati del buon bere l’occasione per vis­itare e degustare i migliori vini delle nos­tre can­tine. Sono ottan­ta in Lom­bar­dia le realtà asso­ciate al «Movi­men­to Tur­is­mo del », pro­mo­tore di ques­ta inizia­ti­va che è diven­ta­ta «un vero e pro­prio luo­go di incon­tro per gli appas­sion­ati di ogni età, curiosi di andare oltre il prodot­to fini­to, sco­pren­do quan­ta fat­i­ca e quan­ta pas­sione si nascon­dono dietro ogni bot­tiglia. Ed è anche cam­bi­a­to il ruo­lo — spie­gano i pro­mo­tori — di chi in can­ti­na vive mag­a­ri da gen­er­azioni: non più solo vig­naioli, ma veri e pro­pri esper­ti di vino, in gra­do di trovare le parole più giuste per rac­con­tare la lun­ga sto­ria che il vino rac­con­ta». «E la sfi­da di Can­tine aperte — portare il con­suma­tore alla scop­er­ta dei luoghi più inti­mi dell’attività pro­dut­ti­va — è sta­ta sicu­ra­mente vin­cente: l’anno scor­so più di 70mila eno­tur­isti si era­no mes­si in viag­gio fin dale prime ore del mat­ti­no per vivere a pieno ques­ta impor­tante gior­na­ta e si prevede che ques­ta edi­zione richi­amerà un ancor più vas­to suc­ces­so di pub­bli­co». In occa­sione del decen­nale poi alcune can­tine offriran­no degus­tazioni con lom­bar­di a cura dell’Ersal. Vedi­amo le can­tine aperte domeni­ca che cosa offriran­no: in par­ti­co­lare a San Mar­ti­no del­la Battaglia, nell’azienda Olivi­ni, è in pro­gram­ma anche una espo­sizione di acquerel­li del pit­tore Pierange­lo Capret­ti men­tre nell’azienda agri­co­la Bersi Ser­li­ni di Provaglio ci sarà la degus­tazione di un vino stori­co, il nuo­vo demi-sec, in abbina­men­to a due tipi di bis­cot­ti tipi­ci del­la pas­tic­ce­ria bres­ciana e di Varese. Ecco infine l’elenco delle can­tine aperte domeni­ca nel Bres­ciano. In Fran­ci­a­cor­ta : azien­da Vez­zoli, S. Pan­crazio di Palaz­zo­lo; Lantieri de Parati­co, Capri­o­lo; Ric­ci Cur­bas­tro, Capri­o­lo; Cor­nale­to, Adro; Con­ta­di Castal­di, Adro; Fac­coli, Coccaglio; Castelli­no Bono­mi, Coccaglio; Mon­tor­fano, Coccaglio; con­ti Terzi, Rova­to; Boschi, Erbus­co; Vigna Dora­ta, Cali­no di Caz­za­go; fratel­li Berluc­chi, Borg­ona­to di Corte Fran­ca; Gui­do Berluc­chi, Borg­ona­to di Corte Fran­ca; barone Pizzi­ni, Tim­o­line di Corte Fran­ca; Bersi-Ser­li­ni, Provaglio; Il Mosnel, Camignone; Lo Sparviere, Mon­ti­cel­li; Anti­ca Can­ti­na Frat­ta, Mon­ti­cel­li. Sul Gar­da : azien­da La Guar­da, Cas­trez­zone di Mus­co­l­ine; Spia d’Italia, Lonato.

Parole chiave: -