L’associazione culturale Fontana presenta «Storie di casa mia»

Un libro sulla memoria locale

07/06/2005 in Cultura
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

Dieci anni dopo la pub­bli­cazione di «Lazise com’era», l’Associazione cul­tur­ale Francesco Fontana, pre­sen­ta al pub­bli­co lacisiense una vera e pro­pria con­tin­u­azione ide­ale di un recu­pero aut­en­ti­co del­la memo­ria locale: si trat­ta di un nuo­vo vol­ume «Sto­rie di casa mia, rac­con­ti min­i­mi di un paese che fu». Il testo sarà pre­sen­ta­to in occa­sione dell’assembela annuale dell’associazione, saba­to alle 17 al castel­lo scaligero, dimo­ra pri­va­ta del­la famiglia Berni­ni. In occa­sione dell’incontro dei soci del sodal­izio cul­tur­ale il pres­i­dente Giulio Rama pre­sen­terà la fat­i­ca let­ter­aria di un lacisiense doc, Francesco Bion­dani, ingeg­nere e impren­di­tore tur­is­ti­co che ha volu­to rac­cogliere per tra­man­dare ai pos­teri bre­vi rac­con­ti, con luoghi, per­son­ag­gi avven­i­men­ti, che ben iden­ti­f­i­cano i sapori di un’epoca che sbiadisce con il pas­sare del tem­po. «Lazise com’era» è una sor­ta di album di famiglia, un insieme di ricor­di per­son­ali, fis­sati nelle immag­i­ni, che diven­ta­vano memo­ria e iden­tità di un paese, men­tre «Sto­rie di casa mia» è una “” di gen­er­azioni ormai scom­parse e che han­no di fat­to “real­iz­za­to” la sto­ria di un bor­go di pesca­tori. Il rica­va­to dal­la ven­di­ta di questo libro di Francesco Bion­dani sarà uti­liz­za­to dall’Associazione cul­tur­ale per real­iz­zare nuove pub­bli­cazioni di cul­tura locale, pro­prio per incen­ti­vare la rac­col­ta di quel­la sto­ria e let­ter­atu­ra popo­lare e min­u­ta che rac­chi­ude l’autenticità del­la vita di un paese. «Sono 130 pagine che ripor­tano alla vita ser­e­na e tran­quil­la del­la gente di Lazise», spie­ga Ser­gio Mar­coni, che ha cura­to edit­ing e grafi­ca del libro. «pagine che ci fan­no sor­rid­ere e che ci ripor­tano indi­etro nel tem­po ripro­po­nen­do­ci usi, cos­tu­mi, situ­azioni che ormai non trovano più riscon­tro nel­la nos­tra società».

Parole chiave: