Presentato il «distintivo» scelto dalla Provincia. Marchi diversi anche per le agenzie territoriali

Un logo per il turismo

14/12/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Daniela Pelicioli

La Provin­cia di Bres­cia ha un logo nuo­vo. Il mar­chio è sta­to scel­to tramite un con­cor­so di idee indet­to ad aprile 2006 dall’assessorato al Tur­is­mo e riv­olto ad aziende, scuole, pri­vati. Un con­cor­so sti­molante che ha vis­to la parte­ci­pazione di 307 can­di­dati prove­ni­en­ti da tut­ta Italia.Ha vin­to lo stu­dio B Pub­blic­ità e Mar­ket­ing dell’architetto Gius­to Bonan­no di Paler­mo che ricev­erà in pre­mio 30mila euro. La Com­mis­sione esam­i­na­trice, pre­siedu­ta dall’assessore al Tur­is­mo del­la Provin­cia di Bres­cia Ric­car­do Mini­ni era com­pos­ta da nomi illus­tri del­la grafi­ca ital­iana come Anna Stein­er e Fran­co Origo­ni, dal diret­tore del set­tore tur­is­mo Mau­r­izio Cov­ri e dall’esperto in beni cul­tur­ali Chiara Dalle Nog­a­re. Sul loro tavo­lo sono giun­ti centi­na­ia di prog­et­ti di notev­ole qual­ità. «Ques­ta ric­chez­za di pro­poste — ha spie­ga­to Mini­ni durante l’incontro di pre­sen­tazione uffi­ciale che si è tenu­to ieri in Bro­let­to – ha reso ard­ua la scelta. Solo dopo molte ore di acce­sa dis­cus­sione abbi­amo opta­to per la pro­pos­ta del­lo stu­dio sicil­iano. Con­cor­diamo sul fat­to che il loro prodot­to rap­p­re­sen­ti più degli altri l’essenza del­la nos­tra provin­cia, la com­p­lessità e vari­età che la caratterizza».«Il logo – ha spie­ga­to infat­ti Alber­to Cav­al­li, pres­i­dente del­la Provin­cia – rap­p­re­sen­ta ideal­mente tut­to il ter­ri­to­rio bres­ciano: da Bres­cia, cen­tro nevral­gi­co del­la Provin­cia, si dira­mano i rag­gi di col­lega­men­to alle 7 agen­zie ter­ri­to­ri­ali in cui è sud­di­visa, ognuna sim­bo­leg­gia­ta da un col­ore di richi­amo. Un mar­chio – ha aggiun­to Cav­al­li – al tem­po stes­so anti­co e mod­er­no che lo rende esteti­ca­mente piacev­ole e cosa per noi indis­pens­abile incon­fondibile». Sì, per­ché l’obiettivo del pro­mo­tore dell’iniziativa, Mini­ni, e del­la Provin­cia, era «pot­er dare al nos­tro ter­ri­to­rio un’immagine accat­ti­vante e uni­ca nel momen­to in cui, come ente, ci pro­poni­amo in fiere, man­i­fes­tazioni, nazion­ali e inter­nazion­ali, e quo­tid­i­ano lavoro di pro­mozione». Con­sid­er­a­to il tenore delle pro­poste in con­cor­so, la Com­mis­sione ha deciso di pre­mi­are altri 7 parte­ci­pan­ti. Per loro è pre­vista una tar­ga in argen­to e un ulte­ri­ore riconosci­men­to: ogni mar­chio vinci­tore ver­rà infat­ti pro­pos­to come logo di una delle 7 agen­zie ter­ri­to­ri­ali del­la Provin­cia. La Com­mis­sione ha deciso di asseg­nare il logo di Elis­a­bet­ta Quaraniel­lo di Saler­no alla Pia­nu­ra padana, quel­lo del­la Poligrafi­ca bres­ciana a Bres­cia e Hin­ter­land. Davide Nascim­beni di Bres­cia ha «con­quis­ta­to» con il suo mar­chio l’area del Gar­da men­tre Mas­si­mo Arzuf­fi di Berg­amo la Valle Camon­i­ca. Il logo cre­ato dal­lo stu­dio di Rena­to Bor­soni di Bres­cia è sta­to pro­pos­to per la Valle Sab­bia men­tre quel­lo di Gabriele Sposato potrebbe rap­p­re­sentare la Valle Trompia. Infine il frut­to cre­ati­vo di Gian­lu­ca Bilot­ta è can­dida­to a rap­p­re­sentare la Franciacorta.Se la scelta finale per quan­to riguar­da le Agen­zie ter­ri­to­ri­ali del­la Provin­cia è nelle mani dei Comu­ni, degli enti e delle asso­ci­azioni inter­es­sati, il logo vinci­tore ver­rà da domani uti­liz­za­to in tut­ti gli even­ti in cui pre­sen­zierà la Provin­cia, sia in Italia che all’estero.