Domani il gran finale delle manifestazioni dedicate a D’Annunzio Gemellaggio con Pescara e raid d’auto d’epoca

Un monumento per il Vate

20/09/2002 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Gardone Riviera

Pros­egue, fino a domeni­ca 22 set­tem­bre, la «Gar­done dan­nun­ziana». La man­i­fes­tazione, inizia­ta una set­ti­mana fa, è orga­niz­za­ta dal Comune, in col­lab­o­razione col Vit­to­ri­ale e con l’as­so­ci­azione dei com­mer­cianti. Vuole essere un omag­gio al pat­ri­mo­nio artis­ti­co, architet­ton­i­co, stori­co e cul­tur­ale las­ci­a­to in ered­ità dal Vate. Attra­ver­so un ric­co pro­gram­ma di even­ti, ci si pro­pone di ricreare le situ­azioni e le mem­o­rie che accom­pa­g­narono la pre­sen­za di Gabriele D’An­nun­zio. Stasera, ad esem­pio, nel­l’au­di­to­ri­um si ter­rà un recital poet­i­co di Bruno Noris (voce), Mar­co De San­ti (chi­tar­ra) e Mario Marzi (sas­so­fono). Domani mat­ti­na, alle ore 11, ver­rà cel­e­bra­to il con Pescara, la cit­tà natale del poeta-solda­to, che si chia­ma­va Pao­lo Francesco Rapag­netta (poi cam­biò cog­nome, assumen­do quel­lo di uno zio mater­no, pro­pri­etario di bar­coni da pesca, che lo ave­va adot­ta­to). Nel­la cir­costan­za lo scul­tore Giulio Tam­bur­ri­ni pre­sen­terà lo stu­dio plas­ti­co di un mon­u­men­to a D’An­nun­zio, e le poste tim­br­eran­no un annul­lo spe­ciale filatelico. Una del­egazione, gui­da­ta dal sin­da­co abruzzese Car­lo Pace e dal­l’asses­sore alla cul­tura Licio Di Biase, sarà ospi­ta­ta sul lago. Resti­tuirà la visi­ta del­lo scor­so mar­zo, quan­do Alessan­dro Baz­zani, sin­da­co di Gar­done Riv­iera, l’asses­sore Gio­van­na Cic­carel­li e la pres­i­dentes­sa del Vit­to­ri­ale, Anna­maria Andreoli, si recarono a Pescara per il pri­mo atto del gemel­lag­gio. Sem­pre domani arriver­an­no le 35 vet­ture storiche che han­no parte­ci­pa­to al raid di 1.500 chilometri Gar­done Riv­iera, Fiume, Zara, Pescara e ritorno, orga­niz­za­to dal Club Fran­co Maz­zot­ti. Lunedì han­no fat­to tap­pa a Trissi­no, per un cock­tail par­ty nel­la vil­la set­te­cen­tesca Mar­zot­to (ser­a­ta ani­ma­ta dal chi­tar­rista Mar­co De San­ti e dal­l’avvo­ca­to Flaminio Valse­riati, che ha declam­a­to let­tere d’amore dan­nun­ziane). Mart­edì Bas­sano, per la visi­ta al museo Bon­fan­ti, quin­di l’aero­por­to «La Com­i­na», nelle vic­i­nanze di Por­de­none, dove c’era la base dei tri­mo­tori da bom­bar­da­men­to Caproni, infine la sos­ta a Vil­la Otto­boni. Mer­coledì parten­za per Fiume, dove è svol­ta una pro­va di abil­ità spe­ciale, quin­di via, ver­so Zara. Alle ore 20 l’im­bar­co sul traghet­to per Ancona. Ieri si è cor­so sul litorale di Pine­to, con l’ag­giun­ta di un aper­i­ti­vo al bar del Par­roz­zo, fre­quen­ta­to dal Vate. Sta­mat­ti­na è pre­vista la parten­za per Peru­gia. Dopo la pro­va d’a­bil­ità sul cir­cuito di Magione, piede sul­l’ac­cel­er­a­tore sino a For­lì. Quin­di l’ap­pro­do a Gar­done Riv­iera, con cena di gala. Il pre­mio al vinci­tore è sta­to real­iz­za­to dal­lo scul­tore Alessan­dro Rasponi. Intan­to, nelle vetrine dei negozi del cen­tro stori­co, sono esposte le car­to­line trat­te dal­l’archiv­io di Tiziano Bot­tura. Sul lun­go­la­go e nelle prin­ci­pali piazzette, alles­ti­men­ti botani­ci con piante di notev­ole pre­gio stori­co, fra cui un oli­vo mil­lenario. E’ pos­si­bile vedere il vil­lag­gio dei pesca­tori, il par­co alpino, il gia­rdi­no dei limoni e quel­lo del­l’u­va. Col­lab­o­ra­no «Orlan­di» di Tor­bole Casaglia, «Rose rifioren­tis­sime» di Ciliv­erghe, «Zan­noni Ver­tua» e «Gardaflor» di Padenghe, «Dester gar­den cen­ter» di Maner­ba. Al Savoy si tiene la mostra di alcu­ni preziosi mano­scrit­ti del Vit­to­ri­ale, e di rare penne stilo­gra­fiche del­la collezione Laz­za­roni di Brescia.