Ritorna la tradizionale festa riservata al primo rosso della stagione invernale. Fiduciosi gli operatori

Un Novello per battere i francesi e conquistare i palati dei giovani

07/11/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo

Riv­olto in par­ti­co­lare ai gio­vani il pro­gram­ma di man­i­fes­tazioni per pro­muo­vere la 14ª edi­zione del­la fes­ta del , il pri­mo in Italia ad ottenere la Doc nell’ambito di ques­ta tipolo­gia di . Spic­ca per­tan­to nel con­testo del­la gior­na­ta di saba­to 10 novem­bre il con­veg­no «I gio­vani e il vino» con con­trib­u­to una ricer­ca sul Bar­dolino Doc degli stu­den­ti del cor­so serale dell’Itc «Lorgna-Pin­de­monte» di Verona. «I gio­vani di oggi, con i mod­el­li di vita e con i loro stili ali­men­ta­ri sono al cen­tro delle nos­tre rif­les­sioni», ammette il pres­i­dente del con­sorzio tutela vino Bar­dolino Giuseppe degli Alber­ti­ni. Sap­pi­amo pure che non prediligono il vino ed è per questo che li invi­ti­amo a ricon­sid­er­are il loro rap­por­to con il nettare di Bac­co». Seg­nali pos­i­tivi comunque non man­cano come ha sot­to­lin­eato l’indagine svol­ta dal Cen­sis servizi e divul­ga­ta in occa­sione del­la scor­sa edi­zione del , rel­a­ti­va a «Gli ital­iani e il mon­do del vino». È emer­so che sono pro­prio i gio­vani tra i 18 e i 29 anni a reg­is­trare l’aumento mag­giore di con­sumo di vino, dimostran­do disponi­bil­ità a pagare di più per una bot­tiglia di val­ore e a parte­ci­pare con pas­sione alle inizia­tive eno­tur­is­tiche. Inoltre riv­e­lano un alto gra­do di asso­ci­azione men­tale tra il vino, l’estetica del­la bot­tiglia e le sug­ges­tioni del­la cul­tura e del pae­sag­gio da cui proviene.

Parole chiave: - -