L’INAUGURAZIONE

Un nuovo incubatoio ittico a Desenzano da 100 milioni di uova

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Ver­rà inau­gu­ra­to domani alle 10 il nuo­vo Incu­ba­toio itti­co di Desen­zano. La strut­tura, la più impor­tante del­la provin­cia, sorge alla pun­ta del Vò, sul lun­go­la­go Cesare Bat­tisti. Il respon­s­abile ammin­is­tra­ti­vo è Gian­fran­co Bon­at­ti, che si avvale del­la preziosa col­lab­o­razione di Enri­co Danieli. Il cos­to com­p­lessi­vo è sta­to di euro 988 mila euro e la real­iz­zazione per­me­tte di «poten­ziare un’attività ittio­geni­ca per la quale la nos­tra provin­cia — dice Bon­at­ti — da diver­si anni si dis­tingue a liv­el­lo regionale. Attra­ver­so la ripro­duzione delle specie ittiche di pre­gio, ma anche sfrut­tan­do le tante poten­zial­ità offerte da una strut­tura tec­no­logi­ca­mente avan­za­ta, è pos­si­bile ora mon­i­torare e pro­gram­mare inter­ven­ti a sosteg­no del ripopo­la­men­to itti­co». L’importanza tec­ni­co-sci­en­tifi­ca del­la strut­tura è sot­to­lin­ea­ta anche dal­la sua col­lo­cazione strate­gi­ca nel­la realtà garde­sana. La capien­za è di 765 metri qua­drati com­p­lessivi: 275 metri la sala incu­ba­toio, due uffi­ci, una sala di 125 mq per con­veg­ni e per le vis­ite delle sco­laresche a scopo didat­ti­co e di grup­pi orga­niz­za­ti. «L’incubatoio è sta­to real­iz­za­to in una posizione strate­gi­ca — con­tin­ua Bon­at­ti — per l’utilizzo delle pompe dell’acquedotto, che pes­cano l’acqua diret­ta­mente dal lago ad una pro­fon­dità di 70 metri. L’acqua pesca­ta viene poi uti­liz­za­ta nell’incubatoio per la mat­u­razione delle uova. Nel mese di gen­naio la tem­per­atu­ra dell’acqua del lago in media è sta­ta di 8/9 gra­di. Attual­mente nell’incubatoio si trovano le uova di , pesce principe del Gar­da. Una cer­ta quan­tità di larve è già sta­ta sem­i­na­ta nel lago. La Provin­cia, per quan­to riguar­da la sta­gione del­la pesca del Core­gone ha dato la pos­si­bil­ità ai pesca­tori di pro­fes­sione (nel sono 55), di usufruire di 8 gior­nate di per­me­s­so di pesca dal 23 dicem­bre al 14 gen­naio. Dopo tale data la pesca è lib­era tut­ti i giorni». La cam­pagna ittio­geni­ca 2003 / 2004 ha rac­colto 75 mil­ioni di uova di pre­gia­to Core­gone (l’incubatoio ha una capac­ità di cir­ca 100 mil­ioni) e nel cor­so del­la sta­gione sono state sem­i­nate cir­ca 40 mil­ioni di larve di Core­gone, nei vari pun­ti di rac­col­ta: da Sirmione a Cam­pi­one, pas­san­do per Desen­zano, Riv­oltel­la, Padenghe, Moni­ga, Maner­ba, Portese, Toscolano Mader­no, Gargnano.

Parole chiave: