VALEGGIO. Sinfonia di capodanno col Nabucco organizzato dall’associazione Amadeus. Prossimamente musica spagnola e Orchestra della Transilvania

Un omaggio a Verdi apre il 2002

04/01/2002 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

È appe­na ter­mi­na­to il 2001 ma Fiorel­la Marango­ni, la pres­i­dentes­sa dell’Associazione Amadeus che, con l’appoggio dell’Assessorato alla cul­tura e del­la Pro loco, orga­niz­za da sette anni la rasseg­na con­cer­tis­ti­ca, rilan­cia subito per il 2002, inizian­do l’anno con il bot­to. «Saba­to 5 gen­naio alle 21», affer­ma sor­ri­den­do la Marango­ni, «vi sarà il Con­cer­to di con la Big Band Rit­mo Sin­fon­i­ca Cit­tà di Verona ed è facile prevedere uno spet­ta­co­lo di grande inten­sità e di forte pre­sa sul pub­bli­co. Inoltre non mancher­an­no le sor­p­rese e gli scherzi, come nel tradizionale con­cer­to di Capo­dan­no da Vien­na». Rispet­to al Con­cer­to di capo­dan­no per antono­ma­sia cam­bierà sicu­ra­mente il genere musi­cale. Infat­ti l’orchestra diret­ta da Mar­co Paset­to eseguirà brani natal­izi come «White Christ­mas», omag­gerà con la sin­fo­nia del Nabuc­co, ma soprat­tut­to dedicherà uno spazio con­sis­tente a pezzi stra­or­di­nari di George Gersh­win, come «Rhap­sody in blue», «Sum­mer­time» e «I loves you Por­gy». Par­ti­co­lar­mente attese le inter­pre­tazioni del­la vocal­ist nera Cher­il Porter (che ha sup­por­t­a­to musicisti come David Cros­by o la Blues Broth­ers Band) e del pianista Pao­lo Bir­ro che ha suona­to a fian­co di jazz­isti del cal­i­bro di Lee Konitz, Enri­co Rava e Richard Gal­liano. «Dopo il con­cer­to di capo­dan­no», con­tin­ua la pres­i­dentes­sa di Amadeus, «avre­mo il trio Chi­avac­ci-Vin­cen­ti-Tumi­at­ti per il 27 gen­naio e il 17 feb­braio «Espana», un con­cer­to di musi­ca spag­no­la del ’900 per chi­tar­ra e pianoforte, con Jen­ny Bor­gat­ti e Michela Cor­di­oli. Ad aprile poi offrire­mo agli appas­sion­ati di Chopin, i suoi due con­cer­ti per pianoforte ed orches­tra, con Cris­tiano Bura­to, un pianista che ha ottenu­to copiosi riconosci­men­ti a liv­el­lo inter­nazionale, e l’Orchestra sin­fon­i­ca di Sta­to del­la Tran­sil­va­nia, il che com­porterà un grosso impeg­no sul ver­sante orga­niz­za­ti­vo ed eco­nom­i­co. Ogni anno vor­rem­mo fare un pas­so avan­ti e pro­porre qual­cosa in più, ma non è facile met­tere insieme tutte le risorse nec­es­sarie». Infine in estate potrebbe esser­ci l’atteso ritorno del­la sopra­no Ste­fa­nia Bon­fadel­li, che sta mietendo suc­ces­si all’estero, con­fer­man­do così di aver rag­giun­to una con­sid­erev­ole matu­rità artistica.

Parole chiave: -