Questa sera la grande tavolata e il premio del «Nodo d’amore»

Un ponte di tortellini

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alessandro Foroni

È il quat­tordices­i­mo appun­ta­men­to con la «Fes­ta del Nodo d’amore», la tradizionale tavola­ta sul ponte vis­con­teo in omag­gio al tortelli­no, ful­cro del­la gas­trono­mia locale, quel­lo che si ter­rà stasera con l’organizzazione dell’Associazione ris­tora­tori e l’appoggio del Comune. «Tut­to è pron­to», dichiara Gian­ni Verone­si, seg­re­tario dell’Associazione ris­tora­tori, «e le ultime ore servi­ran­no a met­tere a pun­to gli ulti­mi det­tagli per garan­tire a tut­ti un servizio di qualità».Sugli oltre sei­cen­to metri del ponte si dis­porran­no i gaze­bo con 23 ris­toran­ti e 96 cuochi, oltre a 302 camerieri e 98 som­me­li­er. Tra gli oltre 4000 ospi­ti atte­si tan­ti gli ital­iani, ma anche gli stranieri. Fra i per­son­ag­gi del­lo spet­ta­co­lo appare prob­a­bile la pre­sen­za di , men­tre è incer­ta quel­la di Ivana Spagna. «Ivana è la mad­ri­na del­la nos­tra fes­ta», ricor­da Verone­si, «e qui è sem­pre ben­venu­ta, ma i suoi impeg­ni la por­tano spes­so altrove».La man­i­fes­tazione si aprirà alle 19,30 con l’ingresso dei fig­u­ran­ti. Dopo aver scodel­la­to, intorno alle 20,30, i pri­mi tortelli­ni si andrà avan­ti fino ai fuochi d’artificio. Sul ponte sarà pos­si­bile, nel­la zona delle pre­mi­azioni, ammi­rare il bozzet­to in leg­no che rap­p­re­sen­ta Sil­via, la nin­fa del­la leggen­da del «Nodo d’amore» cre­a­ta dall’orafo Alber­to Zuc­chet­ta, con un drap­po ann­oda­to che ne attra­ver­sa la figu­ra e riman­da al tortelli­no. Nel­la parte cen­trale del ponte ci saran­no anche i lavori delle scuole che, assieme all’Associazione ris­tora­tori e alla con­dot­ta Slow food di Verona, han­no appro­fon­di­to le radi­ci gas­tro­nomiche del ter­ri­to­rio, attra­ver­so lab­o­ra­tori sul gus­to, sul­la polen­ta e, con «Orto in Con­dot­ta», la real­iz­zazione di un orto bio­logi­co.

Parole chiave: