Per il terzo anno consecutivo i volontari di Garda solidale partiranno alla volta della Bielorussia

Un TIR di aiuti per la Bielorussia

Di Luca Delpozzo

Per il ter­zo anno con­sec­u­ti­vo i volon­tari di Gar­da sol­i­dale par­ti­ran­no alla vol­ta del­la Bielorus­sia. Por­tano aiu­ti ai bam­bi­ni col­pi­ti dal­la trage­dia di Cher­nobyl. A dif­feren­za degli anni prece­den­ti il mate­ri­ale rac­colto — ves­tiario, prodot­ti per l’igiene, generi ali­men­ta­ri, mate­ri­ali didat­ti­ci, para­far­ma­ci, san­i­tari ecc. — ver­rà sped­i­to con un Tir nei prossi­mi giorni cioè un mese pri­ma del­la parten­za dei volon­tari per con­sen­tire una migliore orga­niz­zazione, poi, nel­la dis­tribuzione degli aiu­ti. Ven­erdì 7 aprile invece par­tirà dal Gar­da un con­voglio for­ma­to da 75 per­sone che viag­ger­an­no in camper. L’arrivo a Gomel dopo un viag­gio di 2500 chilometri è pre­vis­to per domeni­ca 9 aprile. Già dal giorno suc­ces­si­vo tut­ti i volon­tari saran­no impeg­nati a con­seg­nare i mate­ri­ali. Des­ti­natari degli aiu­ti sono un’ospedale, una scuo­la di Vet­ka e a Gomel, l’associazione cris­tiana Patmos.