La Coopsette di Reggio Emilia ha iniziato il recupero dell’ex borgo operaio di Campione. Nel progetto due alberghi, un porto e centinaia di appartamenti

Un villaggio da 200 milioni

10/12/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

È in piena trasfor­mazione il vec­chio bor­go operaio di Cam­pi­one, frazione costiera di Tremo­sine. L’at­tiv­ità del cotonifi­cio che era atti­vo sul­la pic­co­la peniso­la cessò negli anni Ottan­ta e, da allo­ra, la pro­pri­età del­l’in­tero paese è pas­sa­ta più volte di mano: dal­la In.Ol. (Inizia­ti­va Olcese del­la Snia Bpd del Grup­po Fiat) alla Antonel­liana Soci­età Coop­er­a­ti­va di Tori­no, fino all’at­tuale pro­pri­etaria: la Coopsette di Reg­gio Emil­ia. La soci­età emil­iana inve­stirà a Cam­pi­one la bel­la cifra di 200 mil­ioni di euro. I lavori, che stan­no cam­bian­do rad­i­cal­mente il volto del paese, sono iniziati nel mag­gio scor­so, con lo sven­tra­men­to di buona parte del­la vec­chia fab­bri­ca. Poi sono sta­ti ele­vati pon­teg­gi attorno a Palaz­zo Arche­t­ti (des­ti­na­to ad un futuro di cen­tro benessere) ed iniziate le opere per la ristrut­turazione di alcu­ni palazzi del set­tore nord del­la peniso­la. Avvi­a­ta anche la costruzione di un parcheg­gio da oltre 600 posti auto cop­er­ti (per 13.500 metri quadri) nel­la zona dove un tem­po c’era il cam­po sporti­vo. Il parcheg­gio andrà in pro­pri­età al Comune a scom­puto di oneri di urban­iz­zazione e costi di costruzione ed avrà una ges­tione pubblico-privata.Adesso è in fase di decol­lo l’en­nes­i­ma opera: la costruzione di un nuo­vo por­to da 120 barche (8 posti bar­ca sono ris­er­vati al Comune) con il molo che si allungherà ver­so il lago all’al­tez­za di Palaz­zo Arche­t­ti. Più avan­ti nel tem­po, assi­cu­ra il sin­da­co di Tremo­sine, Francesco Bri­ar­a­va par­tirà anche la costruzione di una cab­i­novia che dovrebbe avere la base sul rial­zo pos­to sul sen­tiero che con­duce a Pra­bione. Sarà ad un solo pilone e per­me­t­terà di por­tar­si sul­l’al­topi­ano tremosi­nese superan­do oltre 400 metri di dis­liv­el­lo in pochi minu­ti. «In questo modo — dice Bri­ar­a­va — si potrà rag­giun­gere il resto del ter­ri­to­rio comu­nale e si potrà trovare a dis­po­sizione un cam­po-pro­va di golf da 3 buche. Non c’è anco­ra l’au­tor­iz­zazione, ma non tarderà ad arrivare». L’op­er­azione di Cam­pi­one si estende in maniera com­p­lessa e prevede la real­iz­zazione da parte di Coopsette di un altro parcheg­gio inter­ra­to pri­va­to da 215 posti (su 7.000 metri quadri), des­ti­nati agli acquiren­ti degli 300 allog­gi nuovi che ver­ran­no approntati (60.000 metri cubi) e di quel­li che ver­ran­no rica­vati nei caseg­giati svuo­tati e ricostru­iti (altri 33.000 metri cubi).Appare cen­trale anche la des­ti­nazione alberghiera con i due nuovi hotel di lus­so che sorg­er­an­no (uno nel­l’ex Palaz­zo Arche­t­ti) e occu­per­an­no 65.000 metri cubi. Quan­to alle attiv­ità com­mer­ciali e ai pub­bli­ci eser­cizi, volu­mi per 25.000 metri cubi saran­no costru­iti di sana pianta o rica­vati attra­ver­so il recu­pero del­l’e­sistente. Ver­rà ulti­ma­ta a breve, invece, la stra­da alle spalle del­la frazione, che corre sot­to la parete roc­ciosa e che rical­ca in buona parte la vec­chia Garde­sana. Ad opere con­cluse, cos­ti­tuirà la mag­giore arte­ria inter­na al paese che, per il resto, sarà pedonalizzato.L’operazione-Campione prevede, inoltre, l’ap­pronta­men­to di 28.000 metri quadri tra verde attrez­za­to e per­cor­si pedonali pub­bli­ci. Quan­to alle cifre di ven­di­ta, nat­u­ral­mente non c’è nul­la di uffi­ciale ma i prezzi dovreb­bero oscil­lare tra i 5.500 ed i 6.000 euro al metro quadro per gli spazi di carat­tere com­mer­ciale men­tre per le abitazioni, costru­ite con sis­te­mi tec­no­logi­ca­mente all’a­van­guardia, siamo attorno ai 4.000 euro al metro. Attual­mente, chi vuole recar­si a Cam­pi­one prove­nen­do da Salò, deve pros­eguire alle spalle del paese fino al por­to di Tremo­sine, quin­di fare inver­sione di mar­cia per uscire poi allo svin­co­lo che si dira­ma alla destra del­la gal­le­ria. Per quel­lo che riguar­da i tem­pi di costruzione del­la «nuo­va Cam­pi­one», il sin­da­co Bri­ar­a­va prevede che la pri­ma parte del lavoro (a nord del paese) sarà con­clusa entro il 2008, men­tre il vil­lag­gio tur­is­ti­co decollerebbe per intero entro il 2011.Briarava con­clude rag­giante: «Il treno è par­ti­to e non si arres­ta. L’Am­min­is­trazione Comu­nale è sali­ta e sta in pri­ma classe».