Una Giornata Imaginifica per Gabriele d’Annunzio

02/03/2014 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo

Il ha reso omag­gio al padrone di casa, nell’ormai con­sue­to appun­ta­men­to che ne ricor­da l’anniversario del­la morte, avvenu­ta nel­la dimo­ra di Gar­done Riv­iera l’1 mar­zo 1938.

E’ sta­ta una “Gior­na­ta Imag­inifi­ca”, inau­gu­ra­ta ques­ta mat­ti­na, 2 giug­no, alle 10.45 pres­so la cit­tadel­la garde­sana: dopo un solenne alz­a­bandiera, al cospet­to delle autorità civili e mil­i­tari, e la let­tura del mes­sag­gio di salu­to giun­to dal pres­i­dente del Sen­a­to, il pres­i­dente del­la Fon­dazione, , ha pre­sen­ta­to a una platea gremi­ta di ospi­ti i prin­ci­pali risul­tati dell’anno da poco ter­mi­na­to: aumen­to del 7 per cen­to dei vis­i­ta­tori, nuove assun­zioni di per­son­ale. Poi una veloce car­rel­la­ta delle cel­e­brazioni per il 150° anniver­sario dan­nun­ziano, con mostre e con­veg­ni a Lugano, Atene, Budapest, Cra­covia, Tokyo e Kyoto, e appun­ta­men­ti impor­tan­ti anche in Italia, dal Salone Inter­nazionale del Libro di Tori­no alle mostre, con­veg­ni e spet­ta­coli suc­ce­dutisi in tut­ta Italia, a par­tire dal­la cit­tà natale del Vate, Pescara, oggi rap­p­re­sen­ta­ta sul pal­co dal sin­da­co Lui­gi Albore Mas­cia. “Sec­on­do i risul­tati dif­fusi da Google, è risul­ta­to il poeta ital­iano più clic­ca­to del 2013, sec­on­do solo a Dante”, ha ricorda­to Guer­ri.

E la sua immag­ine stor­i­ca sta cam­bian­do, nel­la gius­ta direzione di inno­va­tore e lib­er­tario, piut­tosto che di deca­dente e proto­fascista. Vogliamo con­sid­er­ar­lo anche un seg­no dell’appassionato lavoro svolto dal Vit­to­ri­ale nel coor­di­na­men­to delle tan­tis­sime inizia­tive che ne han­no cel­e­bra­to il com­plean­no”.

Sul pal­co con il pres­i­dente anche il prefet­to di Bres­cia, Nar­cisa Brass­esco Pace, quest’anno nell’insolita veste di dona­trice di due immag­i­ni inedite di Gabriele d’Annunzio.

Il pres­i­dente del Con­siglio per la Ricer­ca e la Sper­i­men­tazione in agri­coltura, Giuseppe Alon­zo, ha quin­di pre­sen­ta­to i doc­u­men­ti che il CRA ha volu­to donare al Vit­to­ri­ale, a tes­ti­mo­ni­an­za del rap­por­to che unì il Vate a Mario Fer­raguti, pri­mo Pres­i­dente dell’allora Isti­tu­to di frut­ti­coltura e elet­tro­ge­net­i­ca di Roma.

Molti altri doni han­no imprezios­i­to gli archivi del­la cit­tadel­la mon­u­men­tale, dalle let­tere di d’Annunzio alla figlia Rena­ta ai doc­u­men­ti legati a Gia­co­mo e Isa­ia Scar­pet­ta, da oggi fruibili dal pub­bli­co sul nuo­vo touch screen instal­la­to pres­so il Museo d’Annunzio Seg­re­to. Qui è sta­to inau­gu­ra­to anche un nuo­vo bel­lis­si­mo alles­ti­men­to ded­i­ca­to a Eleono­ra Duse, la don­na del Fuo­co, real­iz­za­to in col­lab­o­razione con la Fon­dazione Gior­gio Cini di Venezia, che espone abiti o cos­tu­mi di sce­na di Mar­i­ano For­tuny e Paul Poiret, fotografie, il copi­one auto­grafo del pri­mo atto de La figlia di Jorio e il ritrat­to di Eleono­ra Duse real­iz­za­to dal pit­tore fiorenti­no Michele Gordi­giani nel 1885.

Il Vit­to­ri­ale si è arric­chi­to anche di un nuo­vo, anti­co laghet­to, riscop­er­to e val­oriz­za­to da un atten­to restau­ro nell’area del par­co vic­i­na al MAS e inau­gu­ra­to quest’oggi.

In chiusura di mat­ti­na­ta, Guer­ri ha pre­sen­ta­to uffi­cial­mente il logo con cui la Fon­dazione cele­br­erà d’Annunzio eroe del­la Grande Guer­ra, di cui ricorre il cen­te­nario, antic­i­pan­do il con­veg­no sul tema, pre­vis­to al Vit­to­ri­ale a set­tem­bre, e le prossime mostre inter­nazion­ali di Zagabria, Mel­bourne, Buenos Aires e Mon­te­v­ideo.

La gior­na­ta pros­egue nel pomerig­gio, alle ore 15, con uno spazio tut­to ded­i­ca­to all’arte e alla moda.

Mario Peseri­co, ammin­is­tra­tore del­e­ga­to di Eber­hard Italia, pre­sen­ta sul pal­co lo spe­ciale orolo­gio Extra-fort “Ardis­co non ordis­co”, prodot­to in edi­zione lim­i­ta­ta di 150 esem­plari, con cui la Mai­son orologe­ria Eber­hard & Co rende omag­gio a d’Annunzio.

Il pres­i­dente Guer­ri inter­vis­terà poi Ernesto Tatafiore, di cui si inau­gu­ra oggi la mostra “D’Annunzio, poe­sie armi e donne” con 40 opere real­iz­zate dall’artista napo­le­tano e allesti­ta negli spazi di Vil­la Mirabel­la, Museo d’Annunzio Seg­re­to e nel­la cuci­na del Vate. La mostra, cura­ta da Flavio Aren­si corre­da­ta da cat­a­l­o­go pub­bli­ca­to da Alle­man­di, sarà vis­itabile tut­ti i giorni dalle ore 10 alle 13 e dalle 14 alle 17.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Villegle_al_VittorialeInfine sul pal­co salirà il mae­stro francese Jacques Vil­leglé, che al Vit­to­ri­ale dona una grande scul­tura “Star”, in bron­zo pati­na­to con inser­ti in bron­zo dora­to, col­lo­ca­ta su una ter­raz­za adi­a­cente la piazzetta Dal­ma­ta. 

 

 

 

 

 

Per tut­ta la gior­na­ta il pub­bli­co, che ha usufruito dell’ingresso gra­tu­ito al Par­co mon­u­men­tale, ha inoltre potu­to approf­ittare del­lo spe­ciale annul­lo filatelico, real­iz­za­to in col­lab­o­razione con Poste Ital­iane, a com­ple­ta­men­to del fran­cobol­lo dan­nun­ziano emes­so nel mar­zo 2013.