Convegno di formazione organizzato dalla Dora Montani Veneto. Al centro la gestione del tempo libero e la vita degli adulti

Una mano tesa per i disabili

06/12/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(a.s.)

Saba­to in sala con­gres­si era­no in tan­ti ad ascoltare la con­feren­za sul tema «Pren­der­si cura di se per pren­der­si cura degli altri». Tan­ti famil­iari e volon­tari dell’associazione Dora Mon­tani , che han­no segui­to le relazioni di spe­cial­isti del mon­do dell’assistenza ai dis­abili. Il con­veg­no, orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con l’associazione Arca di Noè e con il patrocinio del Comune di Gar­da e dell’Ulss 22, ha volu­to sen­si­bi­liz­zare il mon­do del volon­tari­a­to sui prob­le­mi che i servizi per gli adul­ti con dis­abil­ità las­ciano aper­ti. Un appro­fondi­men­to per famil­iari e oper­a­tori dei cen­tri edu­ca­tori diurni (Ceod), per i quali sono richi­este sem­pre mag­giori conoscen­ze. Il pres­i­dente del­la Casa del Sole Onlus, Dora Mon­tani Regione Vene­to, Attilio Guidorizzi, spie­ga le final­ità dell’incontro: «Il con­gres­so è una tap­pa di un prog­et­to che prevede la for­mazione e il sog­giorno per per­sone diver­sa­mente abili e famil­iari. È pro­mosso dal­la Regione Vene­to, che prevede la col­lab­o­razione tra asso­ci­azioni. Noi siamo nati nel 2003, par­al­le­la­mente all’associazione Dora Mon­tani del­la Lom­bar­dia. La nos­tra sede per il Vene­to è a Vil­lafran­ca, in via dei Col­li 52. Coa­d­i­u­vi­amo con 40 oper­a­tori e edu­ca­tori tre cen­tri educa­tivi diurni del­la provin­cia di Verona, due a Gar­da e uno a Vil­lafran­ca. Questi tre cen­tri sono orga­niz­za­ti dal­la Casa del Sole man­to­vana, a sosteg­no noi ci siamo cos­ti­tu­iti a Vil­lafran­ca per dare rap­p­re­sen­tan­za anche al ter­ri­to­rio Vene­to». «Il nos­tro scopo», con­clude Guidorizzi, «è miglio­rare la qual­ità del­la vita ai diver­sa­mente abili e alle loro famiglie, attra­ver­so un per­cor­so for­ma­ti­vo con ore teoriche e attiv­ità di inte­grazione del­la ges­tione del tem­po libero».

Parole chiave: