Sommergibili e grandi navi tra fotografie e filmati storici

Una rassegna di modellismo allestita nell’ex biblioteca

28/09/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(s.b.)

È sta­ta inau­gu­ra­ta, alla pre­sen­za delle autorità locali e dei diri­gen­ti provin­ciali dell’Associazione mari­nai d’Italia, la mostra di mod­el­lis­mo navale orga­niz­za­ta dal­la locale sezione dei mari­nai «Leonel­lo Paroli­ni» con il patro­ci­no dell’amministrazione comu­nale che resterà aper­ta nel­la sala del­la ex fino a lunedì 3 otto­bre. Dai sot­tomari­ni, ai som­mergi­bili, ai cac­cia­tor­pe­dinieri, fino alle più belle corvette di un tem­po alla mostra non man­cano nem­meno i fil­mati di azioni di guer­ra, in par­ti­co­lare dell’ultimo con­flit­to mon­di­ale e nem­meno le riv­iste spe­cial­iz­zate del mod­el­lis­mo navale inter­nazionale. In bel­la vista anche una rasseg­na fotografi­ca ded­i­ca­ta alla galea veneziana, o meglio, alla «Fus­ta» che da sec­oli riposa ada­gia­ta nelle acque anti­s­tan­ti la e il por­to vec­chio. Doc­u­men­tazione fotografi­ca di grande rilie­vo, con anno­tazioni speci­fiche dell’operazione di mon­i­tor­ag­gio dei fon­dali con l’esploratore francese Picard e con il suo min­i­som­mergi­bile, in anni pas­sati, pro­prio a Lazise e nel bas­so lago. «Quest’anno», spie­ga Gian­ni Olivet­ti, pres­i­dente dei mari­nai lacisien­si «abbi­amo alcu­ni pezzi impor­tan­ti in mostra. Tre por­taerei in miniatu­ra, molto ben real­iz­zate, con dei par­ti­co­lari min­uziosi e con dei det­tagli che faran­no let­teral­mente impazz­ire gli aman­ti di questo mod­el­lis­mo navale stori­co di guer­ra. Abbi­amo già avu­to i pri­mi apprez­za­men­ti per il ritorno del­la mostra, anche da molti esti­ma­tori stranieri. Con­ti­amo di poter­la tenere in vita anche dopo il 3 otto­bre, mostra del miele per­me­t­ten­do» «Con ques­ta man­i­fes­tazione, che sta sem­pre più pren­den­do piede», sot­to­lin­ea l’assessore al tur­is­mo Agosti­no Carat­toni «giun­gono a Lazise diver­si appas­sion­ati del mod­el­lis­mo navale e mil­itare, e non solo. Han­no vis­ta­to la mostra, in pas­sato, impor­tan­ti uffi­ciali del­la Mari­na i quali, dopo la visione, han­no espres­so plau­so sia per la rasseg­na nel suo com­p­lesso che per il sito e per le bellezze del nos­tro paese. Fare tur­is­mo vuol dire anche pro­prorre man­i­fes­tazioni filantrop­i­co-cul­tur­ali di questo tipo».

Parole chiave: