"La fiera è cresciuta sia in termini di dimensioni che di maturità". L'assessore Leonardi traccia un primo bilancio dell'edizione 2009

Una rassegna«davvero grande»

17/01/2009 in Fiere
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
M.S.

Anco­ra non si è entrati nel clou del­la man­i­fes­tazione e dei suoi even­ti, ma ques­ta 51a edi­zione del­la del Gar­da prospet­ta di essere una delle meglio rius­cite degli ulti­mi anni. Com­pli­ci anche il bel tem­po e il grande impeg­no pro­fu­so sia dai dipen­den­ti comu­nali che da volon­tari e sim­pa­tiz­zan­ti che anche ques­ta vol­ta han­no imp­ie­ga­to tut­to il loro tem­po e le loro energie per arrivare ad un risul­ta­to davvero grandioso.«In questi quat­tro anni — ha dichiara­to con sod­dis­fazione l’assessore al Com­mer­cio e pres­i­dente del Comi­ta­to Fiera, Valenti­no Leonar­di — da quan­do, cioè, ho assun­to l’onere e l’onore di gestire e coor­dinare l’organizzazione del­la man­i­fes­tazione, devo dire che la Fiera è diven­ta­ta davvero “grande”, sia in ter­mi­ni di dimen­sioni che di matu­rità». Quel­lo che è ormai diven­ta­to a tut­ti gli effet­ti l’evento più atte­so delle prime set­ti­mane dell’anno, ha, infat­ti, vis­to crescere di anno in anno la sua impor­tan­za e la sua con­sid­er­azione tra le fiere più pres­ti­giose e fre­quen­tate del­la provin­cia di Bres­cia, e non solo. Questo sia tra gli oper­a­tori che vi vedono un’occasione preziosa per intessere nuovi con­tat­ti com­mer­ciali, sia tra i vis­i­ta­tori che l’aspettano come un appun­ta­men­to indero­ga­bile e imperdibile.«Di tut­to ciò voglio sen­ti­ta­mente ringraziare tut­ti i com­po­nen­ti dell’Ufficio com­mer­ciale del Comune — ha tenu­to ad aggiun­gere l’assessore — ma un ringrazi­a­men­to par­ti­co­lare va a Lara Lomurno che si è davvero spe­sa all’inverosimile. Prezioso è sta­to anche il con­trib­u­to di Nico­la Francesconi, Nadia Bardel­loni, Nir­vano Facchinet­ti e Adonel­la For­lani, i quali, oltre ad accol­lar­si tut­ti gli oneri del caso, han­no anche avu­to la forza di sop­portare le inevitabili ten­sioni emo­tive che sem­pre si accom­pa­g­nano quan­do il cari­co dell’impegno è forte». Ma se la Fiera regionale da una parte ha vis­to crescere pro­tag­o­nisti e pub­bli­co, dall’altra ha vis­to net­ta­mente decrescere i costi per la real­iz­zazione. «Questo è un altro moti­vo di van­to — ha det­to anco­ra Leonar­di — di cui sono orgoglioso. Mi sen­to solo di scusar­mi per i dis­a­gi legati all’allestimento, ma so che i lonate­si affrontano volen­tieri i sac­ri­fi­ci con­nes­si, con­sapevoli dell’importanza dell’evento per la nos­tra cit­tà».

Parole chiave: