ENIGMISTICA Enzo Bassetti è l'autore del gioco

Una Riva d’annata per le parole crociate

29/08/2000 in Curiosità
Di Luca Delpozzo

Una Riva d’an­nat­a­per le parole cro­ci­a­teENIG­MISTI­CA Enzo Bas­set­ti è l’au­tore del gio­coRI­VA. Il numero in edi­co­la del­la Set­ti­mana enig­misti­ca, il 3570 del 26 agos­to 2000, pro­pone a pag­i­na 21 un gio­co di parole cro­ci­ate sen­za schema che solo i rivani, o i res­i­den­ti nel­la Busa, sono in gra­do di risol­vere uti­liz­zan­do le definizioni oriz­zon­tali. Per tut­ti gli altri, arrivare alla soluzione, ossia a sco­prire che la gita di ques­ta set­ti­mana è a Riva del Gar­da, sarà un’im­pre­sa com­pli­ca­ta. Il mer­i­to, almeno in parte, va a «E. Bas­set­ti» che fir­ma il gio­co. Si trat­ta del­l’ex sin­da­co, ora pres­i­dente del­l’U­nione. «Mi pare abbas­tan­za stra­no che salti fuori pro­prio oggi questo gio­co — ha det­to Enzo Bas­set­ti. Io non mi appli­co con par­ti­co­lare atten­zione all’enig­misti­ca, non cre­do di pot­er essere com­pre­so fra i cul­tori del genere. Qualche anno fa ho dato una mano alla com­pi­lazione di uno schema di parole cro­ci­ate che ave­va Riva come tema. Non ci pen­sa­vo davvero più». E che di acqua ne sia pas­sa­ta parec­chia sot­to i pon­ti, fan­no tes­ti­mo­ni­an­za le fotografie da cui ricavare le definizioni, alcune delle quali sono decisa­mente datate. Il 19 oriz­zon­tale, da 15 let­tere, pro­pone un «PALAZZOPRETORIO» degli anni Set­tan­ta, quan­do nel­la piaz­za tut­ti pote­vano arrivare in auto e parcheg­gia­re davan­ti ai por­ti­ci, del comune e del­l’ho­tel Pace. Il 5 oriz­zon­tale, 13 let­tere, è una TORREAPPONALE che esi­bisce anco­ra il suo mag­nifi­co quad­rante con ore romane e cifre ara­biche e le razze che solo le raf­fiche del­l’òra tal­vol­ta, sposta­vano dal­l’o­ra gius­ta. Anche il 44 oriz­zon­tale, 13 let­tere, PORTASANMARCO, dichiara la sua età: non solo il restau­ro del­l’an­ti­co pas­sag­gio nelle mura è di là da venire, ma sul­la destra sono anco­ra vis­i­bili le finestre di quel­lo che era l’al­ber­go Alla Rosa. La dotazione di immag­i­ni da tradurre in let­tere si com­ple­ta con un PANORAMA, una CHIESA DELLINVIOLATA (da sac­ri­vere sen­za apos­tro­fo) e con un por­tale del­la par­roc­chiale del­l’As­sun­ta: potreb­bero anche essere con­tra­b­ban­date per foto fres­che. In tut­ti i casi, anche se le oriz­zon­tali sono decisa­mente al di fuori del­la por­ta­ta del­la mag­gio­ran­za dei let­tori del set­ti­manale, aiu­tano le ver­ti­cali: la Irene di Zor­ba il Gre­co, è Papas; la gom­ma per scarpe da piog­gia è la para; il dis­or­dine cos­mi­co fa caos. Le paghe degli operai si chia­mano salari e, inge­nu­ità abissale, a bloc­care la colon­na è un ALT e non un semaforo oppure il sem­plice ecces­so di veicoli den­tro una stra­da che più di tan­ti non è pro­prio in gra­do di smaltirne.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti