Da questa sera al 31 agosto: al centro «Mericianum» la trentaseiesima celebrazione in onore S. Angela Merici

Una settimana di preghiere e riflessioni

22/08/2001 in Religione
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Ques­ta sera al cen­tro di spir­i­tu­al­ità «Meri­cianum» di Desen­zano si svol­gerà il trenta­seies­i­mo incon­tro di preghiera in onore del­la patrona e fon­da­trice dell’ordine delle Orso­line, S. Angela Meri­ci. A par­tire dalle 20, si ter­ran­no il rosario e la mes­sa, pre­siedu­ta da mon­sign­or Andrea Veg­gio. Da lunedì prossi­mo a ven­erdì 31 agos­to, il cen­tro «Meri­cianum» pro­pone un sem­i­nario di rif­les­sione e di preghiera. Per ulte­ri­ori infor­mazioni si può con­tattare lo 030 9120356. Al sem­i­nario si può parte­ci­pare con un’offerta lib­era. Angela Meri­ci, san­tifi­ca­ta con un decre­to pon­tif­i­cio del 29 gen­naio 1962, nacque a Desen­zano in una casa a fian­co del castel­lo, intorno al 1474. Il padre, Gio­van­ni, era di Bres­cia. La madre, Cate­ri­na, era sorel­la di ser Bian­coso de Bianchi di Salò, per molti anni mem­bro del con­siglio comu­nale garde­sano. Angela trascorse infanzia, ado­lescen­za e parte del­la giovinez­za nel­la lib­ertà dei campi e nel­lo sfac­cen­dare quo­tid­i­ano del­la casci­na in local­ità Le Grezze, alla per­ife­ria di Desen­zano, dove la famiglia vive­va. I figli di Gio­van­ni e Cate­ri­na era­no cinque, tre maschi e due fem­mine (Angela era la penul­ti­ma). Per­du­ti la sorel­la e i gen­i­tori in pochissi­mo tem­po, Angela e un fratel­lo si trasferirono a Salò, ospi­ti del­lo zio Bian­coso. Qui, anzichè approf­ittare del­la vita agia­ta che le veni­va offer­ta, si fece terziaria frances­cana. Da allo­ra in poi sarebbe sta­ta per tut­ti suor Anzo­la. Nel 1516 i supe­ri­ori la inviarono a Bres­cia pres­so madon­na Cate­ri­na Pan­te­go­la, che ave­va per­so mar­i­to e figli. Angela com­in­ciò così una mis­sione che si sarebbe allarga­ta ad abbrac­cia­re quan­ti face­vano ricor­so a lei. Fu pel­le­g­ri­na a Roma per il giu­bileo del 1525. Rien­tra­ta a Bres­cia, fondò la «Com­pag­nia di S. Orso­la». Angela diede l’avvio a ques­ta isti­tuzione il 25 novem­bre 1535. Morì il 27 gen­naio 1540 a Bres­cia. E’ sepol­ta nel­la chiesa di S. Afra, a lei ded­i­ca­ta. E’ sta­ta can­on­iz­za­ta dal­la Chiesa il 24 mag­gio 1807.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti