Una strada trasforma la vita a senso unico

22/05/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Sergio Mari

Non si pla­cano le polemiche sul­la mini riv­o­luzione via­bilis­ti­ca a Colom­bare, dove è in fase di ulti­mazione il prog­et­to che ha amplia­to i mar­ci­apie­di con con­seguente trasfor­mazione del­la via a sen­so uni­co, in direzione lago. I lavori sono costa­ti cir­ca 2 mil­iar­di e la bon­tà del prog­et­to è dife­sa dal vice sin­da­co Mat­tin­zoli. «Abbi­amo trasfor­ma­to la parte cen­trale di via Colom­bare a sen­so uni­co — dice — e l’es­per­i­men­to ha cre­ato qualche prob­le­ma e sposta­to alcu­ni dis­a­gi su altre vie, come d’al­tronde si teme­va. Siamo con­vin­ti che, nonos­tante si sia mod­i­fi­ca­ta una situ­azione con­sol­i­da­ta da decen­ni, il provved­i­men­to sia buono e che la gente con­tin­uerà a fermarsi.Vorremmo con­tin­uare con la stra­da lib­era e gli spazi rica­vati a sper­i­menta­re il sen­so uni­co in estate».I pri­mi a non essere d’ac­cor­do con gli ammin­is­tra­tori sono però i com­mer­cianti che aprono le ser­rande lun­go il trat­to di via Colom­bare diven­ta­to a sen­so uni­co, lamen­tan­do un calo del lavoro di cir­ca il 40 per cen­to. «Non c’è più pas­sag­gio — dicono in coro — e per di più vogliono isti­tuire la sos­ta a dis­co orario di un’o­ra invece del­la mez­z’o­ra con­cor­da­ta». Adesso oltre ai com­mer­cianti protes­tano i res­i­den­ti in via Aldo Moro, via Bag­n­er e via Sal­vo d’Ac­quis­to, le strade che pri­ma era­no tran­quille zone res­i­den­ziali e che ora si trovano ad essere vie obb­li­gate per chi esce dal­la peniso­la di Catullo.