Assicurato il servizio tra Gargnano e Torri d/B.
È arrivata oggi e, dopo un periodo di addestramento dell’equipaggio, prenderà servizio sul lago con stazionamento a Gargnano, una terza motovedetta della Guardia Costiera, oltre alle due già operanti a S

Una terza motovedetta dellaGuardia Costiera per un lago più sicuro.

Di Luca Delpozzo

Si trat­ta di una conc­re­ta rispos­ta, gra­zie all’interessamento del Pres­i­dente del­la , Aventi­no Frau, e alle vibrate proteste dei Sin­daci di Gargnano e Tor­ri del Benà­co, alla sop­pres­sione delle “storiche” motovedette dell’arma dei di Gargnano e Tor­ri e al ridi­men­sion­a­men­to di quel­la di Desen­zano d/G.Per sei mesi, con inizio nel peri­o­do Pasquale e fino a otto­bre, per dod­i­ci ore al giorno, un mez­zo del­la classe 600 coprirà pro­prio l’area tra Gargnano e Tor­ri del Benà­co e inter­ver­rà in caso di bisog­no a sup­por­to del­la cen­trale oper­a­ti­va di Salò.Molta sod­dis­fazione esprime il Sin­da­co di Tor­ri d/B, , Vice Pres­i­dente del­la Comu­nità del Gar­da, pro­prio per la conc­re­ta e tem­pes­ti­va rispos­ta data dal­la Comu­nità alle esi­gen­ze del suo Comune e del Gar­da veronese in generale.«Ringrazio il Coman­dante Gen­erale del Cor­po, Ammi­raglio Pol­las­tri­ni, e quel­lo del­la Direzione del Vene­to, Ammi­raglio Vig­nani, per avere volu­to anco­ra una vol­ta venire incon­tro alle esi­gen­ze di sicurez­za del più grande e più “nav­i­ga­to” lago italiano»afferma il Pres­i­dente Frau, il quale sot­to­lin­ea come pro­prio nel fine set­ti­mana trascor­so l’intervento di uomi­ni e mezzi del­la Guardia Costiera è sta­to deter­mi­nante e provvi­den­ziale per alcune situ­azioni di sur­fisti e nav­i­gan­ti in serio peri­co­lo per il for­tis­si­mo vento.È già sta­ta pro­gram­ma­ta una con­feren­za nel­la sede del­la Comu­nità, a Vil­la Mirabel­la, nel­la quale l’iniziativa sarà illus­tra­ta nei det­tagli.