In preparazione una serie di eventi per celebrare l’epopea del 1909, quando nel cielo di Montichiari si inaugurò il primo circuito aereo nazionale

Un’«Air show» per il centenario del volo

02/12/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Daniele Bonetti

Cent’anni dopo, Mon­tichiari riv­ivrà l’epopea di quel­lo che nel 1909 fu il pri­mo «cir­cuito aereo» ital­iano e il sec­on­do al mon­do dopo Reims. Una ricor­ren­za che i Lions Club Bres­cia Host, l’Aeroclub di Bres­cia, laCam­era di Com­mer­cio e la Provin­cia inten­dono cel­e­brare nel migliore di modi. Per questo tut­to il 2009 sarà un susseguir­si di even­ti, man­i­fes­tazioni e incon­tri che appro­fondi­ran­no il tema del volo e ricorder­an­no i pio­nieri dei cieli che han­no reso famoso il cielo del­la Bassa.«Il 1909 fu un anno molto impor­tante per Bres­cia — ricor­da Lui­gi Del­la Bora, stori­co del volo — fu inau­gu­ra­ta la fer­rovia che por­ta­va al por­to di Desen­zano e si svilup­pò una grande attiv­ità nel cam­po dei motori. Tut­to questo però venne super­a­to dal­la pas­sione per il volo che portò alla nasci­ta del­lo sca­lo di Mon­tichiari, resa pos­si­bile da una brughiera incolti­va­ta che ben si presta­va alla nasci­ta del cir­cuito aereo. Il cul­mine delle cel­e­brazione del cen­te­nario si avrà nel set­tem­bre 2009 quan­do le pat­tuglie acro­batiche ital­iana, inglese, francese ed egiziana faran­no uno spet­ta­co­lo sul cielo bres­ciano: sarà un avven­i­men­to eccezionale che siamo cer­ti porterà molto pub­bli­co attorno all’aeroporto».Oltre allo spet­ta­co­lo aereo, sono in pro­gram­ma con­veg­ni sul volo (il pri­mo il 18) e con­cor­si per le scuole (i ban­di saran­no resi noti nelle prossime set­ti­mane, in palio buoni per acquistare mate­ri­ale didattico).Ricordare il cen­te­nario del pri­mo Cir­cuito aereo inter­nazionale di Bres­cia sig­ni­ficherà inevitabil­mente pen­sare anche al futuro del­lo sca­lo di Mon­tichiari. «Per noi l’aeroporto è pri­or­i­tario come la Brebe­mi — dice il pres­i­dente del­la Cam­era di Com­mer­cio -: nei giorni scor­si sono arrivate notizie con­for­t­an­ti su Brebe­mi, ora incro­ci­amo le dita per il D’Annunzio. Sec­on­do noi l’aeroporto è strate­gi­co non solo a liv­el­lo di immag­ine per il ter­ri­to­rio, ma anche e soprat­tut­to per l’economia dell’intera provin­cia».

Parole chiave: