Un’amatriciana X AMATRICE” a Lazise

29/08/2016 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Anche Lazise si muove per aiutare le popo­lazioni col­pite dal tremen­do sis­ma nel­la zona del reati­no e del­l’as­colano che ha provo­ca­to dis­truzione e morte. “Un’a­ma­tri­ciana X AMATRICE” è lo slo­gan coni­a­to dai gestori de La Pacheca Rock Bar di Lazise per la ser­a­ta di mer­cole­di 31 agos­to, con inizio alle ore 19,00 per  la sol­i­da­ri­età. Il piat­to del­la ser­a­ta sarà appun­to la pas­ta con­di­ta con la ama­tri­ciana ed il rica­va­to sarà intera­mente devo­lu­to per aiutare quelle popo­lazioni alla ricostruzione dei loro pae­si sbri­ci­o­lati dal sis­ma.

L’op­er­azione l’ab­bi­amo coor­di­na­ta con il Ban­co Popo­lare — spie­ga Anto­nio Lova­to de La Pacheca — pro­prio per non buro­c­ra­tiz­zare la man­i­fes­tazione unir­ci in uno sfor­zo comune. Ovvi­a­mente i fon­di avran­no una des­ti­nazione comune in stret­ta sin­to­nia con le isti­tuzioni locali dei ter­ri­tori col­pi­ti pro­prio per non com­piere azioni inutili o di accav­al­la­men­to.”

Il cos­to  per il piat­to del­la ser­a­ta è fis­sato in 5 euro.

Seg­na­liamo anche l’IBAN per even­tu­ali ulte­ri­ori offerte: TERREMOTATI CENTRO ITALIA: IT06P0503411750000000240816

Frat­tan­to si è mobil­i­ta­ta anche l’ comu­nale per don­azioni di sangue atte a far fronte all’e­mer­gen­za ter­re­mo­to.

Abbi­amo invi­ta­to i nos­tri dona­tori a com­piere uno sfor­zo per nuove don­azioni di sangue pres­so il Cen­tro Trasfu­sion­ale di Bus­solen­go — affer­ma il pres­i­dente Clau­dio Zeni ‑ma con preghiera di diluir­le nel tem­po. Ovvero- con­tin­ua Zeni — non andare in mas­sa in questi giorni al cen­tro trasfu­sion­ale per non creare ingorghi e per con­sen­tire di avere sem­pre sangue ” fres­co” per­chè le sac­che han­no una sca­den­za e vale la pena averne sem­pre di scor­ta. L’in­vi­to alla don­azione più che mai nec­es­saria, ma sen­za mas­si­fi­cazione. Di sangue ce n’è sem­pre bisog­no. Donare sem­pre, tut­to il tem­po del­l’an­no.”

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: