"Dirigenti cercansi per evitare la chiusura della Unione Sportiva Torri". Potrebbe essere così sintetizzato, l'appello lanciato nella sala consiliare del Castello scaligero dal presidente dell'Unione Sportiva Torri Luigi Vedovelli.

Unione Sportiva a rischio chiusura

30/05/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Diri­gen­ti cer­can­si per evitare la chiusura del­la Unione Sporti­va Tor­ri”. Potrebbe essere così sin­te­tiz­za­to, l’ap­pel­lo lan­ci­a­to nel­la sala con­sil­iare del Castel­lo scaligero dal pres­i­dente del­l’U­nione Sporti­va Tor­ri Lui­gi Vedovel­li e dagli altri diri­gen­ti delfa soci­età calcistica.Con alcu­ni elo­quen­ti cartel­li, aff­is­si nei giorni scor­si per tutte le vie cen­trali del paese, i ver­ti­ci del­la squadra bian­caz­zur­ra ave­vano già lan­ci­a­to un inter­rog­a­ti­vo che così suon­a­va: “Addio U.S. Torri?”.Nonostante l’ab­bon­dante pro­pa­gan­da per la riu­nione pub­bli­ca però, anco­ra una vol­ta la popo­lazione del paese, da sem­pre refrat­taria a qual­si­asi aduna­ta pub­bli­ca com­pre­si i con­sigli comu­nafi e seri­amente inter­es­sa­ta invece a riu­nioni aven­ti per tema il Piano Rego­la­tore o qual­si­asi altro tema a sfon­do eco­nom­i­co-spec­u­la­ti­vo, ha rispos­to “pic­che” all’al­larme lanciato.I diri­gen­ti del­la squadra calcis­ti­ca del paese, nonos­tante il bilan­cio in lieve atti­vo ed una squadra ai ver­ti­ci del­la clas­si­fi­ca nel­l’ul­ti­mo tor­neo di Terza Cat­e­go­ria, sono in procin­to di sciogliere la soci­età per “man­can­za di diri­gen­ti e di accompagnatori”.“E’ evi­dente che”, han­no illus­tra­to con mol­ta amarez­za i sei su dieci mèm­bri del diret­ti­vo dell’U.S. Tor­ri, alla deci­na di per­sone pre­sen­ti all’assem­blèa pub­bli­ca, ” ai tor­re­sani non inter­es­sa se con­tinui o meno ad esistere una squadra di cal­cio che rap­p­re­sen­ti il paese e dia la pos­si­bil­ità ai gio­vani di gio­care. A questo pun­to, non si può che pren­derne atto”. Tra le poche per­sone pre­sen­ti oltre ai sei diri­gen­ti, alcu­ni ex-gio­ca­tori, l’ex pres­i­dente dell’U.s. Tor­ri Gioacchi­no Benet­ti, il con­sigliere comu­nale con del­e­ga allo sport Rena­to Aloisi. Insom­ma, solo tré era­no le “fac­ce nuove”, accorse a sen­tire i prob­le­mi del­la soci­età calcistica.Stando ai fat­ti, l’u­ni­ca cosa che appare prob­a­bile a questo pun­to, potrebbe essere l’is­crizione, per il prossi­mo cam­pi­ona­to di cal­cio di un’u­ni­ca squadra a rap­p­re­sentare il paese, quel­la dei pul­ci­ni. “Per i pro­pri figli di otto-nove anni”, ha com­men­ta­to con ram­mari­co Siro Vedovel­li, ” i gen­i­tori sono pre­sen­ti al saba­to pomerig­gio, finanche in numero ecces­si­vo. Nes­suno di loro però, ad esem­pio, pare invece inter­es­sato o disponi­bile a seguire la squadra di Terza Cat­e­go­ria. E così non si può cer­to andare avan­ti. La ripro­va del dis­in­ter­esse e la pre­sen­za stes­sa, o meglio l’assen­za, del­la gente alla riu­nione”. L’at­tuale diri­gen­za insom­ma, solo nel­la misura di tre-quat­tro per­sone, sarebbe propen­sa ad iscri­vere la squdra di cal­cio al tor­neo del prossi­mo anno. A pat­to però, che si ries­cano a trovare almeno altre quat­tro o cinque per­sone, “dis­poste a dedi­care del tem­po ed un po’ d’im­peg­no per l’U.s. Torri”.“Gestire una squadra di Terza Cat­e­go­ria”, ha osser­va­to il pres­i­dente Lui­gi Vedovel­li, ” è ormai come gestire una pic­co­la azien­da, almeno a liv­el­lo buro­crati­co. Se non entra­no volti nuovi, qui si chi­ude tutto”.Durante la sta­gione scor­sa infat­ti, il pres­i­dente in per­sona ha dovu­to svol­gere tal­vol­ta con­tem­po­ranea­mente le fun­zioni di addet­to all’ar­bi­tro, diri­gente accom­pa­g­na­tore, pres­i­dente, ed addet­to alla bigli­et­te­ria. Quest’ul­ti­mo com­pi­to, in realtà, era il meno gravoso dato che, nonos­tante la squadra fos­se ai ver­ti­ci del­la clas­si­fi­ca, non era­no più di cinque o sei i sosten­i­tori dell’U.s. Tor­ri che ne seguiv­ano le “per­for­mance” in casa.E pro­prio ques­ta “dichiarazione d’amore” è quel­la che sta facen­do desistere i diri­gen­ti dal­l’is­cri­vere al prossi­mo cam­pi­ona­to una squadra, mes­sa in pie­di nel­l’or­ma! lon­tano 1975. Insom­ma, anche a Tor­ri sta succe­den­do quan­to già vis­to a Gar­da e a San Zeno di Mon­tagna, dove le squadre si sono dovute sciogliere. Comunque, per non las­cia­re nul­la di inten­ta­to, l’at­tuale diri­gen­za si è data il ter­mine ulti­mo del 10 giug­no per dec­retare defin­i­ti­va­mente se sciogliere o meno la soci­età. Se infat­ti, entro quel­la data, saran­no state acquis­tate almeno quat­tro o cinque disponi­bil­ità, l’U.s. Tor­ri andrà avan­ti e la squadra ver­rà rego­lar­mente iscrit­ta. Altri­men­ti, ver­rà comu­ni­ca­ta ai cal­ci­a­tori, la pos­si­bil­ità di accettare even­tu­ali offerte da altre squadre per la chiusura defin­i­ti­va del­la soci­età. E sono già diverse, a con­fer­ma del­la buona qual­ità indi­vid­uale, le soci­età che han­no già con­tat­ta­to alcu­ni gio­ca­tori per il prossi­mo cam­pi­ona­to.